-
Archivio News

DOPO ROMA ZVEREV SEGUE BORG E NADAL

Il tedesco con il successo agli Internazionali BNL d'Italia si mette sulla scia dei grandi del passato e del presente

di Enzo Anderloni | 25 maggio 2017

Il tedesco con il successo agli Internazionali BNL d'Italia si mette sulla scia dei grandi del passato e del presente. Intanto nel circuito Futures cresce un altro talento europeo, lo spagnolo Nicola Kuhn

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

La Next Gen al potere al Foro Italico. Alexander Zverev, classe 1997 e leader della Race to Milan, è il settimo giocatore nell’Era Open a conquistare il torneo di Roma da under 21. Il primo fu Bjorn Borg, che si impose nel 1974 portando a casa il titolo a tre giorni dal suo diciottesimo compleanno (rimane l’unico minorenne nell’albo d’oro). Nel 1983 fu il turno di Jimmy Arias, che superò Josè Higueras in 4 set all’età di 19 anni. Nel 1989 il titolo finì nelle mani dell’argentino Alberto Mancini, che il giorno prima della finale aveva compiuto 20 anni. Per trovare la successiva vittoria under 21 bisogna andare al 2001 quando Juan Carlos Ferrero superò Guga Kuerten. L’unico tennista a conquistare tre volte il Foro Italico da under 21 è stato Rafael Nadal, vincitore dai 18 ai 20 anni nel 2005 (nella foto), 2006 e 2007. L’ultimo Next Gen ad alzare le braccia al cielo è stato Novak Djokovic, che nel 2008 vinse a pochi giorni dal suo 21° compleanno.

Primo titolo per il Millenial Kuhn
Nicola Kuhn, classe 2000, ha conquistato il primo titolo da professionista sulla terra rossa ungherese di Zamardi. Il 17enne nativo di Innsbruck, ma spagnolo di nazionalità, ha superato in finale l’ostico giocatore di casa Balazs portando a casa il trofeo. Kuhn, già numero 5 under 18 a inizio anno, aveva impressionato al Masters 1000 di Madrid, durante il quale aveva battuto in qualificazioni il georgiano Basilashvili. Kuhn non è stato però l’unico Next Gen a conquistare titoli Futures durante la scorsa settimana: Ad Hammamet ha trionfato, senza perdere alcun set, il ventunenne argentino Mariano Kastelboim, mentre sulla terra iberica di Vic ha alzato le braccia al cielo il brasiliano classe 1996 Rafael Matos. Terzo titolo Itf in carriera per il 19enne rumeno Nicolae Frunza, che ha portato a casa il torneo casalingo di Bucarest.