-
Allenamento e dieta

Un circuito tennistico... da casa

Stiamo in casa, ma non rinunciamo ad allenarci. Ecco dunque che in pochi metri quadrati, all'interno di qualsiasi stanza, si può ricostruire un percorso che ci aiuta a tenerci in forma e a eseguire i movimenti che ci torneranno utili una volta in campo

di | 25 marzo 2020

Dobbiamo continuare a restare in casa, per il bene di tutti. Ma non è detto che questo voglia dire rinunciare ai nostri allenamenti tennistici quotidiani. Ce lo spiega bene in soli 3 minuti il personal trainer Christian Perone, che in pochi metri ha allestito un percorso capace di tenere attiva la nostra capacità coordinativa e la nostra rapidità di movimento.

Cosa serve? Davvero l'essenziale. Una stanza di pochi metri quadrati, due strisce o uno step, quattro cinesini (o quattro oggetti qualsiasi per segnare altrettanti punti di arrivo). In quel momento il gioco è fatto: uno, due, tre o quattro appoggi, a seconda della distanza di ognuno dei cinesini, e ritorno alla base. Se poi i vostri coinquilini dovessero temere per l'incolumità loro e dei soprammobili, potreste sempre sostituire la racchetta con un altro oggetto che ne riproduca in qualche modo l'impugnatura.

L'obiettivo? Mantenere la rapidità di piedi e la reattività necessaria per quando torneremo in campo. Nonché cercare di allenare la coordinazione, controllando in particolare i passi di arrivo verso la palla e di ritorno al centro. Il tutto può essere organizzato come un percorso omogeneo, oppure può essere spezzettato in quattro parti, per prendere confidenza con un determinato tipo di appoggio. Lo mostriamo sul lato del diritto, ma ovviamente è altrettanto valido sul lato del rovescio. Buon lavoro!
507c0b1c-57d9-4b5d-b5a8-0f58f4ec7541
Play