-
Eventi nazionali

Fit-Tpra Melbourne, che numeri!

Il primo Super Slam Fit-Tpra del 2020 lancia un circuito in grande salute: 2700 giocatori in 229 tappe andate in scena in 55 province e tanto, tanto divertimento. Ecco come è andata nelle varie regioni italiane...

07 febbraio 2020

Come ogni anno tra gennaio e febbraio i fighters del Fit-Tpra scendono in campo, come i professionisti impegnati a Melbourne, per contendersi il primo Slam stagionale. Ecco quindi che, mentre un Djokovic da leggenda si apprestava ad esultare per l’ottavo trionfo, qui in Italia, da Nord a Sud, nei circoli più prestigiosi della Penisola, si susseguivano gli incontri tra gli appassionati che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di vivere l’emozione del grande evento di sport e di divertimento in pieno spirito Fit-Tpra.

Quello di Melbourne infatti è il primo Super Slam della stagione, uno dei quattro eventi più importanti dell’anno dedicati ai tennisti amatoriali, ed è riuscito a coinvolgere una valanga di giocatori. La formula vincente si ripete ormai da qualche anno: gli eventi Fit-Tpra, che seguono il calendario del tour dei pro, ci hanno abituato a portare nei circoli italiani, durante gli stessi weekend nei quali si disputano le finali del circuito dei professionisti, gruppi di appassionati di tennis per partecipare, contemporaneamente, ognuno nella propria zona, al 'medesimo' torneo, dove ci sono 3.000 punti in palio e una classifica da tenere sott'occhio.

Fuori regione

L’aspetto unico, che rende ancora più speciali questi eventi, non è rappresentato solamente da numeri così importanti, ma dalla passione e dalla complicità che si crea tra gli organizzatori dei diversi circoli ed i fighters partecipanti, che si calano per un paio di giorni in una macchina organizzativa perfetta creando uno speciale clima che è allo stesso tempo festoso e ricco di sano spirito agonistico. Molti fighters sono disposti anche a spostarsi alla ricerca dell’evento più consono ai propri obiettivi. Grazie al sito www.tpratennis.it si possono visualizzare tutti i tornei in programma e scegliere il migliore, magari abbinando una gita alla scoperta di posti nuovi dalla Sicilia alla Lombardia.

Ogni regione ha organizzato al meglio l’atteso evento. In Veneto ad esempio sono state coinvolte le provincie di Padova, Verona e Vicenza, attirando giocatori provenienti dalle regioni limitrofe. Al Tennis Club Dueville, in provincia di Vicenza, le finaliste dell’All Star femminile non si sono certo pentite dei chilometri percorsi per partecipare al torneo: sia la milanese Annamaria De Bortoli che la romagnola Eva Beata Keliger si sono dette entusiaste della trasferta.

“È stata una stupenda ed intensa giornata di tennis organizzata alla perfezione”, afferma Eva, che aggiunge: “Complimenti a tutti i vincitori e le vincitrici che meritatamente hanno portato a casa le coppe giocando un tennis di altissimo livello. Un ringraziamento speciale a Gianluca Miazzolo (responsabile dei tornei del circolo di Dueville) che con la sua competenza e professionalità ha reso quest'evento un'esperienza indimenticabile. Grazie anche ai compagni di cena per l'ospitalità e simpatia. Non vedo l'ora di tornare!”.

Vicenza sugli scudi

Tutto bene quindi in quel di Vicenza come si evince dalle parole di Alessio Cortesia, uno degli organizzatori che nel suo resoconto afferma soddisfatto: “Abbiamo avuto una piacevole conferma ed ancora una volta un successo di adesioni (più di 50 iscritti, ndr) durante lo Slam di Melbourne giocato al Tennis Club Dueville, Vicenza". L'attivissimo circolo veneto è impegnato da anni nella promozione degli eventi del circuito ed ha anche ospitato le finali del Master regionale della scorsa stagione.

Il tabellone All-Star maschile ha visto il successo del padovano Ruben Massari sul milanese Filippo Cambieri per 4-2 4-0. I due tennisti si sono scontrati dopo aver combattuto partite davvero di alto livello fino ad approdare alla meritatissima finale. La finale del doppio maschile si è giocata tra due storici doppi di casa e ha visto vincitori Guido Dal Lago e Luigi Geremia su Donato Rinaldi e Luciano Bertacche (detto "il Mitico"): il risultato finale è stato di 4-3 4-3 ed è giunto al culmine di una partita davvero spettacolare.

Mentre nel doppio femminile la rodata coppia formata da Sara Sontacchi e Daniela Cailotto ha avuto la meglio su Eva Keliger ed Annamaria De Bortoli per 4-2 4-3. Dulcis in fundo si è svolto il singolare All-Star femminile, dove ad alzare la coppa più grande è stata Annamaria De Bortoli sulla sfortunata Eva Keliger (che ha giocato e perso 2 finali su 2): punteggio finale 4-0 4-2.

Il successo di questo primo grande appuntamento è stato confermato in numerose altre regioni. Un doveroso applauso va a tutti gli organizzatori, ai partecipanti e ai vincitori del primo Slam Tpra.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi