-
Eventi Internazionali

L’Atp di Basilea, casa Federer, slitta al 2021. Sarà il D-Day di Roger?

Il torneo Atp 500 di Basilea ha cancellato l’edizione del 50° prevista dal 24 ottobre per problemi pandemici ed economici. L’appuntamento è per il 2021 quando Federer probabilmente saluterà il tennis. Che decida di farlo proprio lì

di | 15 luglio 2020

Il torneo di Basilea ha appena aggiunto il suo nome all'elenco degli eventi sportivi cancellati a seguito della pandemia di coronavirus. L'evento, vinto 10 volte da Roger Federer, era in programma dal 24 ottobre al 10 novembre; ma come tutti sappiamo Roger Federer, operato due volte al ginocchio destro, rientrerà solo nel 2021, per quella che probabilmente sarà la sua ultima stagione agonistica.

“Il momento del ritiro si avvicina, il tennis mi mancherà” ha dichiarato al magazine tedesco “Zeit”. E, vista la situazione molto precaria di questo 2020, sul piano dell’emergenza sanitaria e conseguentemente economica, gli organizzatori svizzeri hanno giocato d’anticipo.

"L'ATP ha approvato ufficialmente la nostra richiesta di annullamento, dopo aver già dichiarato a giugno che sarebbe stato irresponsabile e impossibile organizzare il torneo a causa delle incertezze sanitarie, sociali ed economiche", hanno scritto sul Pagina Facebook del torneo.

La prossima edizione del torneo si svolgerà dal 23 al 31 ottobre 2021.

Sarà la 51a edizione della manifestazione, creata nel 1970, e che avrebbe dovuto celebrare il suo 50° anniversario in autunno.

Che Basilea nel 2021 possa essere il palcoscenico per i saluti del suo figlio prediletto, quello che cominciò il suo percorso nel torneo facendo il raccattapalle? Non lo si può escludere, conoscendo il soggetto.

Di certo noi ci auguriamo per l’anno prossimo un’altra grande stagione per Re Roger che lo porti alle Atp Finals, prima di cinque edizioni italiane a Torino.

Quale sede sarebbe più adatta per i saluti dello Swiss Maestro di un Masters, il torneo al più alto tasso di qualità del circuito, quello che lui ha vinto ben 6 volte?

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi