-
Eventi Internazionali

Madrid Open virtuale: è Murray il "gamer". La Bertens vince nel femminile

Giornata di chiusura al torneo 'combined' di Madrid giocato con la PS4. I vincitori portano a casa in totale 300mila euro da devolvere in beneficenza. Tra i protagonisti anche Fognini, eliminato nei quarti

30 aprile 2020

E’ Andy Murray il vincitore del Masters 1000 di Madrid virtuale. Lo scozzese si è preso la scena affermando la propria superiorità di "gamer" nei confronti degli avversari: in finale ha sconfitto David Goffin per 76. Del resto la passione del britannico per i videogiochi, in particolare per la playstation, è nota da tempo. Tanto da essergli costata cara qualche anno fa, quando Kim Sears, che oggi è sua moglie, lo lasciò infuriata perché Andy dopo gli allenamenti sul campo passava gran parte del resto della giornata a giocare a "Call of Duty", un gioco di guerra, piuttosto che dedicarsi a lei. Una lezione che servì allo scozzese, che poi si è riappacificato con Kim.

In semifinale Goffin aveva sconfitto al tie break Stefanos Tsitsipas, mentre c’è stato un imprevisto nella sfida tra Murray e Diego Schwartzman: un problema alla connessione wifi ha impedito all’argentino di competere nella sua semifinale.


E’ stata invece Kiki Bertens ad aggiudicarsi il torneo femminile: ha superato in finale per 61 Fiona Ferro. La tennista olandese era peraltro campionessa uscente, anche se non dalla poltrona. In semifinale la Bertens aveva battuto per 75 Caroline Wozniacki, mentre la Ferro aveva sconfitto per 63 Sorana Cirstea.

Se da un lato il torneo virtuale di Madrid non ha sostituito l’evento reale, pur con tutta la limitatezza di questo tennis da nerd in salotto, sono state messe in piedi quattro giornate di incontri rompendo monotonia e isolamento da pandemia con le star del tennis impegnate alla playstation con Tennis World Tour, il videogioco scelto per questa simulazione del combined della Caja Magica. Senza contare che i vincitori hanno portato a casa in totale 300mila euro da devolvere in beneficenza.

Gli appassionati hanno avuto la possibilità di seguire le partite sul sito e sui social del Mutua Madrid Open, grazie a una produzione simile a quella del torneo vero proprio con telecronache, commenti delle partite e interviste ai protagonisti. E qualche risata, come nell’episodio che ha visto protagonista Fabio Fognini mentre era comodamente seduto sul divano di casa. Il ligure, infatti, è sbottato quando ha capito che il Fognini virtuale non rispondeva ai suoi comandi: “Non si muove, non si muove: Flavia, paga la connessione!”, ha detto il campione di Monte Carlo alla moglie Flavia Pennetta. Una battuta che ha strappato una sonora risata anche all'avversario Schwartzman, che alla fine ha vinto il match eliminando Fabio nei quarti.


Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi