-
Eventi Internazionali

Wimbledon salta. Tra due giorni

Secondo Dirk Hordorff, vice presidente della Federazione tedesca, gli organizzatori inglesi mercoledì annunceranno la cancellazione del torneo. “E neanche Parigi si giocherà nelle nuove date che ha stabilito”

30 marzo 2020

“L’edizione di Wimbledon 2020 sarà cancellata: lo annunceranno mercoledì”. Sono le parole di Dirk Hordorff, vice presidente della Federazione tedesca intervistato dal quotidiano sportivo L’Equipe.

Il dirigente tedesco rivela che gli organizzatori degli altri tornei sull’erba, da Halle in poi, hanno già deciso di non giocare e aspettano solo l’annuncio di Wimbledon per comunicarlo.

“E’ la sola decisione possibile. In linea teorica uno può immaginare di giocare a Parigi tra settembre e ottobre ma non a Wimbledon: l’erba sarebbe troppo umida”.

Oltre a sparare a zero sulla decisione dei francesi di spostare le date del Roland Garros in assoluta autonomia, Hordorff ha messo pesantemente in dubbio la possibilità che lo Slam parigino possa svolgersi secondo gli auspici del presidente della FFT Bernard Giudicelli e del direttore del torneo Guy Forget.

“Io credo che non si giocherà nelle nuove date che hanno stabilito. I dirigenti di Atp e Wta sono stati chiari: il modo di agire di Roland Garros è inaccettabile. Non è un dettaglio il fatto che anche Wimbledon e gli Us Open si siano associati con una dichiarazione comune con Atp e Wta. Nessuno è contro il Roland Garros. E’ un torneo fantastico, importantissimo. Se ci fosse la possibilità di giocarlo tutti sarebbero contenti. Ma il loro modo di agire, le date scelte, la mancanza delle qualificazioni. Così non può funzionare. Se si comincia comportarsi così, il tennis è morto”.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi