-
Eventi Internazionali

Atp, Wta, Itf, Usta e Tennis Australia d'accordo: tennis sospeso fino al 7 giugno

I tornei sulla terra battuta in programma fino alla prima settimana di giugno non si disputeranno nelle date previste, comunicano ATP e WTA in una nota congiunta. Fermati anche tutti gli eventi del circuito ITF

18 marzo 2020

Gli Internazionali BNL d’Italia non si svolgeranno nella data prevista, dal 10 al 17 maggio. Insieme con il torneo “gemello” di Madrid e tutti gli altri, maschili e femminili in calendario fino al 7 giugno, la prova del Foro Italico è stata sospesa in attesa di capire come evolverà la situazione sanitaria nel mondo.

Lo hanno deciso Atp e Wta che hanno emesso un comunicato congiunto firmato insieme all’ Itf (la Federazione Internazionale), a Usta (La Federtennis statunitense) e a Tennis Australia. Ecco il testo integrale.

"I tornei ATP e WTA sulla terra battuta non saranno disputati nelle date inizialmente previste". Inizia così il comunicato congiunto delle due associazioni, che dunque fa slittare la ripresa della stagione all'8 di giugno. Questo il testo integrale della nota pubblicata da ATP e WTA.

"Dopo un'attenta considerazione, visto il proliferare del coronavirus, gli eventi della primavera sulla terra battuta non si disputeranno nelle date prefissate. La lista comprende i tornei combined di Madrid e Roma, i tornei WTA di Strasburgo e Rabat, i tornei ATP di Monaco, Estoril, Ginevra e Lione.

Tutto il circuito professionistico è sospeso fino al 7 giugno. Non si giocheranno nelle settimane inizialmente programmate nemmeno i Challenger e gli eventi del circuito ITF. I tornei in calendario dall'8 giugno sono al momento in programma secondo il calendario fissato a inizio stagione.

I punti ATP e WTA restano congelati per tutto il periodo fino a nuovo ordine.

Le sfide a cui la pandemia da coronavirus ci mette di fronte richiedono una collaborazione ancora maggiore di prima, e questo richiede che il nostro sport proceda collettivamente nel massimo interesse dei giocatori, dei tornei, dei tifosi.

Stiamo valutando tutte le opzioni per preservare al massimo il calendario in base alle possibili differenti date di ripresa del Tour, che in questo momento non siamo in grado di prevedere. Siamo impegnati a lavorare su questo con i giocatori, gli organizzatori dei tornei e le altre organizzazioni. Questo non è il momento di agire unilateralmente ma all'unisono. Tutte le decisioni collegate all'impatto del coronavirus richiedono un'appropriata consultazione tra tutti i soggetti, una visione condivisa da ATP, WTA, ITF, AELTC, Tennis Australia, e USTA".

Anche l'ITF nel suo comunicato sottolinea l'importanza della collaborazione e dell'unità "per fare quello che è giusto per i tifosi, i giocatori e i tornei" si legge nel comunicato della federazione internazionale che sospende tutti i tornei anche dei circuiti junior, di wheelchair, di beach tennis e del Senior Tour.

"In questi tempi così difficili, restare uniti è più importante che mai per il nostro sport" dichiara il presidente dell'ITF David Haggerty, "in modo da garantire più certezze possibili a tutti coloro che subiscono conseguenze da questi rinvii. Riconosciamo che tutto questo avrà un impatto pesante, ma la salute e la sicurezza dei giocatori, degli arbitri e degli spettatori deve essere la nostra prima preoccupazione. L'ITF si impegna a mantenere un approccio responsabile, lavorando con tutti i soggetti del mondo del tennis per garantire che si possa riprendere a giocare, a tutti i livelli, non appena sarà abbastanza sicuro".

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi