-
Eventi Internazionali

#IORESTOACASA – Oggi in tv il Super Sinner di Milano e Fognini-Del Potro

La programmazione speciale di questi giorni su SuperTennis prevede oggi alle 14.00 la finale delle Next Gen Atp Finals tra Jannik e l’australiano De Minaur e la finale di Los Cabos 2018. Ma anche Nadal-Shapovalov e, dopo cena, Federer in Laver Cup

di | 14 marzo 2020

Prosegue sabato 14 marzo la programmazione speciale su Supertennis con un'altra giornata di match da non perdere dedicata ai grandi protagonisti del circuito.

Si parte alle ore 14 con la rubrica “Sinner, il predestinato”, dedicata al 18enne altoatesino, ormai fisso tra i primi 80 tennisti al mondo. Vi riproporremo quello che è forse il punto più alto della giovane carriera di Jannik, la splendida finale della NextGen ATP Finals che ha visto Sinner affrontare il top20 australiano Alex De Minaur, grande favorito della vigilia, che si renderà presto conto che Jannik Sinner è un osso duro. A seguire un altro match di Jannik, quello giocato poche settimane prima sul duro di Anversa contro Gael Monfils: anche il francese, uno dei tennisti più istrionici del circuito, ATP, faticherà molto nel prendere le misure al ragazzo di San Candido

Alle 15.15 è l’ora di ammirare le gesta dei fenomeni, con la rubrica “Nadal il Cannibale”. Fari puntati sul mancino di Manacor, tornato numero 1 del mondo a fine 2019, nel match giocato alla Caja Magica contro Denis Shapovalov durante le finali madrilene di Coppa Davis. Il Canada, arrivato in finale per la prima volta nella sua storia, può contare su una squadra giovane e agguerrita di cui “Shapo” è il capofila. Servirà a Nadal giocare al top della condizione, come fatto del resto durante tutto il torneo, per aiutare la sua Spagna a tornare al successo in Davis 8 anni dopo l’ultima volta.

Dopo l’edizione delle 17 delle news si torna a parlare di tennis nostrano, con la rubrica “Italiani alla riscossa”. Protagonista della giornata un ottimo Fabio Fognini. Nell’estate del 2018 Fabio è iscritto al torneo di Los Cabos, sul duro messicano. Seconda testa di serie del torneo, Fabio gioca un tennis di spessore per tutta la settimana fino ad arrivare in fondo. In finale trova dall’altra parte della rete il grande favorito, Juan Martin del Potro. Il genio di Fabio opposto alla potenza della Torre di Tandi: ci sono tutti gli ingredienti per ammirare un match di grande livello, in cui Fognini dimostrerà di essere un avversario complicato per il sudamericano.Alle 18.10 tocca alle ragazze, con la rubrica “Le top5 in lotta per il trono”. Vi faremo rivivere un vero scontro generazionale tra la fresca vincitrice degli Australian Open Sofia Kenin e Samantha Stosur, nel 2011 campionessa a Flushing Meadows. Ben 14 anno separano le due tenniste, che si trovano nel settembre 2019 l’una contro l’altra in finale a Guangzhou, in Cina. Stosur ha già battuto una Kenin giovanissima nel 2018 a Strasburgo e nel 2019 sull’erba di Eastbourne, ma stavolta la tennista nata a Mosca appare favorita, se non altro per i grandi miglioramenti fatti registrare nel ranking WTA nelle ultime settimane. Un interessante incrocio di stili.

Dopo l’edizione delle news delle 21 ecco la prima serata con il Re. Per la serie “Federer il Divino” torniamo alla storica prima edizione della Laver Cup, che si è tenuta a Praga nel 2017. Il team Europe, di cui Federer è leader indiscusso, è avanti 3-1 dopo la prima giornata. Lo svizzero, inizialmente a riposo, fa il suo debutto sabato 23 settembre affrontando lo statunitense Sam Querrey. In palio ci sono due punti che potrebbero consolidare il vantaggio per la selezione del Vecchio Continente. La superficie rapida può dare una mano alle caratteristiche del tennista californiano ma Federer, che questo torneo lo ha di fatto ideato, ha mille motivazioni per dare una mano decisiva alla squadra capitanata da Bjorn Borg

La serata si concluderà alle 23.15 con “Sharapova gameover”, un omaggio che Supertennis ha deciso di fare alla ex numero 1 siberiana, che recentemente ha annunciato il suo addio al tennis. Nella sua “seconda carriera” al rientro dopo un lungo infortunio, la russa ha imparato ad adattarsi al meglio alla terra rossa, come dimostra il doppio successo a Roma nel biennio 2011-2012. Nel 2013 Maria approda in finale a Madrid dove trova Serena Williams, l’avversaria più complicata di tutta la sua carriera. Le due si ritrovano poche settimane dopo l’epilogo di Miami, vinto dalla statunitense che conduce ora 12-2 negli sconti diretti. Riuscirà la russa a invertire la tendenza?

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi