-
Eventi Internazionali

Sabalenka bussa alle porte della top 10

La bielorussa batte Petra Kvitova e sale al numero 11 del mondo. E' il suo secondo titolo consecutivo in un Premier 5, il terzo successo complessivo negli ultimi sei mesi

di | 29 febbraio 2020

Le grandi occasioni caricano Aryna Sabalenka. La bielorussa, testa di serie numero 9, ha vinto a Doha il suo terzo titolo negli ultimi sei mesi, il sesto in carriera. Campionessa anche a Wuhan l'anno scorso, si è imposta negli ultimi due Premier 5 giocati. Sabalenka ha sfoderato una notevole esibizione di colpi potenti ma studiati, mai casuali, viatico per il 6-3 6-4 su Petra Kvitova.

La ceca puntava a diventare la quarta giocatrice due volte nell'albo d'oro del torneo di Doha dopo Anastasia Myskina, Maria Sharapova e Victoria Azarenka, ultima bielorussa a vincere qui prima di Sabalenka (2013)

"Cerco di lottare per mio padre, perché mi voleva numero 1 del mondo" diceva a gennaio, rivelando l'improvvisa morte di papà Sergey, deceduto lo scorso novembre a 43 anni. E' stato lui a portarla per primo su un campo da tennis, quando Aryna aveva sei anni. La bielorussa è la tredicesima campionessa non compresa tra le prime 10 nelle 18 edizioni del torneo.

In finale, ha chiuso con 7 ace e 21 vincenti contro 15 errori. Ha maturato così l'undicesima vittoria di fila nei Premier 5, e interrotto la striscia di 10 successi consecutivi di Kvitova a Doha.
 
"Naturalmente è un momento speciale, è stata una settimana incredibile" ha detto Sabalenka durante la cerimonia di premiazione. La bielorussa si è anche divertita, poi, a stuzzicare il coach Dmitry Tursunov. "Adesso, con tutte queste persone che ci guardano, vorrei chiederti una cosa: potresto essere calmo qualche volta, e non andare sempre in super-agitazione?".

Il rapporto tra i due, decisamente sopra le righe, in qualche modo funziona. E Sabalenka bussa ormai alle porte della top 10. La prossima settimana sarà infatti numero 11 del mondo, il suo best ranking.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi