-
Eventi Internazionali

San Pietroburgo, Bertens ancora regina

L'olandese domina in finale Elena Rybakina, che entrerà tra le prime 20 del mondo. Festeggia così il decimo titolo in carriera. Solo a Norimberga (2016 e 2017) aveva trionfato per due anni di fila prima d'ora

16 febbraio 2020

C'è un legame speciale tra Kiki Bertens e San Pietroburgo. L'olandese domina Elena Rybakina 6-1 6-3 e conquista il titolo per il secondo anno di fila, come in carriera le era riuscito solo a Norimberga nel 2016 e 2017. La testa di serie numero 12 ha giocato, in finale, la partita migliore della settimana contro la russa, quarta per partite vinte (30) nel circuito WTA tra le giocatrici nate dopo il 1999. Meglio di lei hanno fatto solo Vondrousova (52), Yastremska (43) e Anisimova (34).

Bertens, che resterà numero 8 del mondo, ha chiuso con sei ace, 22 vincenti complessivi e 13 gratuiti contro la kazaka, che debutterà tra le prime 20 del mondo grazie alla finale a San Pietroburgo.
L'olandese, arrivata in Russia dopo la delusione della sconfitta per 3-2 nel preliminare di Fed Cup contro la Bielorussia, ha perso solo un set nel percorso verso il decimo trionfo in carriera.

Dopo il bye al primo turno, ha sconfitto in 57 minuti Veronika Kudermetova, ha completato nei quarti la centesima vittoria sul duro contro Anastasia Potapova e superato in semifinale la numero 1 russa Ekatrina Alexandrova per raggiungere la quindicesima finale WTA in carriera.
"Difendere il titolo è sempre una sensazione speciale, sono davvero felicissima" ha detto dopo il match, come riporta il sito della WTA. "Questa settimana non è stata facile. Sabato abbiamo perso il doppio in Fed Cup 10-8 al tiebreak del terzo set. Domenica ero già volata qui, ma credo di aver pianto tutta la notte per la delusione dopo quella sconfitta. Il mio team ha continuato a spingermi, io ho messo davvero tutta la mia energia nelle partite di questo torneo. Se lavori duro, se lotti ogni giorni, puoi davvero ottenere tutto".

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi