-
Eventi Internazionali

Vesely trionfa a Pune, Garin a Cordoba

Il ceco ha salvato sei match point tra quarti e semifinale. In finale, ha sconfitto Gerasimov in tre set. E' il suo primo successo dopo la vittoria a Auckland nel 2015. Garin rimonta un set a Schwartzman e si conferma specialista del rosso

di | 10 febbraio 2020

Cinque anni dopo il primo, e unico, titolo a Auckland nel 2015, Jiry Vesely torna a conquistare un torneo ATP. Il ceco ha completato un percorso non proprio semplice a Pune. Numero 107 del mondo, ha servito 26 ace in finale contro Egor Gerasimov, primo bielorusso in una finale ATP dopo Max Mirnyi a Nottingham nel 2005, 7-6(2) 5-7 6-3. 

Nei due turni precedenti, Vesely aveva salvato due match point nei quarti contro Ilya Ivashka e quattro in semifinale contro Ricardas Berankis. Diventa così l'ottavo giocatore a vincere un titolo dopo essere andato a un punto dalla sconfitta in due partite dal 2013.

Dopo uno scambio iniziale di break, Vesely prende il controllo del gioco nel tiebreak del primo set, che il bielorusso ha chiuso con un dritto in rete.

Nel secondo set, non si vedono break per dieci game. poi Gerasimov, che nel 2018 riuscì a forzare al terzo set Daniil Medvedev nelle qualificazioni a Tokyo, mostra tutti gli evidenti segni di ripresa che l'hanno portato a scalare la classifica nell'ultimo anno e mezzo. 

Gerasimov, condizionato da problemi alla schiena tra 2017 e 2018, ha giocato finalmente libero da infortuni e ha usato il rovescio per togliere tempo al mancino ceco e allungare la partita al terzo set. Nonostante 11 ace e l'81% di punti vinti con la prima, però, non è riuscito ad aggiungersi a Mirny (Rotterdam 2003 su Raemon Sluiter) nella lista dei tennisti bielorussi con un titolo ATP all'attivo. Nel terzo, Vesely prende subito un break di vantaggio e controlla il match fino a conquistare il sesto successo in otto incontri stagionali al set decisivo. 

Il cileno Christian Garin ha conquistato il suo terzo titolo in carriera, tutti vinti sul rosso. A Cordoba, nel primo appuntamento sulla terra battuta sudamericana, ha superato la testa di serie numero 1 Diego Schwartzman 2-6 6-4 6-0. Ha rimontato per la terza volta consecutiva dopo aver perso il primo set nel torneo e cancellato un inizio di stagione con poche soddisfazioni sul duro: dopo tre sconfitte in tre match in ATP Cup, ha raggiunto il secondo turno all'Australian Open, fermato da Milos Raonic.

Schwartzman, nonostante il continuo sostegno del pubblico, non ha retto la potenza dei colpi del mancino cileno. Ha perso così la seconda finale su due in casa, dopo la sconfitta a Buenos Aires l'anno scorso contro Marco Cecchinato.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi