-
Eventi Internazionali

Sabalenka torna a ruggire: è in finale a Wuhan. Sorpresa Riske

Per il secondo turno la bielorussa approda all’ultimo anno del Premier 5 cinese. E per la seconda volta lo fa superando in semifinale l’aussie Barty, già sicura di restare in vetta al ranking. La statunitense invece elimina a sorpresa la ceca Kvitova

di | 27 settembre 2019

Saranno Aryna Sabalenka ed Alison Riske le protagoniste della finale di sabato al "Dongfeng Motor Open", ricco torneo Wta Premier 5 dotato di un montepremi di 2.828.000 dollari che si avvia alla conclusione sui campi in cemento di Wuhan, in Cina. La bielorussa vuole confermare il titolo vinto dodici mesi fa: la statunitense punta a vincere il trofeo più prestigioso della sua carriera.

SuperTennis, la tv della FIT, trasmette in diretta ed esclusiva il torneo WTA Premier 5 di Wuhan. Questa la programmazione:
sabato 28 settembre - LIVE (finale)
alle ore 10.30
Sabalenka (BLR) c. Riske (USA)


IL TABELLONE AGGIORNATO

6b648d69-0437-4f41-8303-f7d734195e25
Play

Per il secondo anno di fila la Sabalenka ha centrato la finale a Wuhan. E per la seconda volta lo ha fatto superando la Barty. Nella semifinale della parte alta del tabellone, infatti, la bielorussa, numero Wta e nona testa di serie, ha sconfitto per 75 64, in poco più di un’ora e tre quarti di gioco, l’australiana regina del tennis mondiale. La 21enne di Minsk ha preso subito un break di vantaggio e lo ha difeso fino al 3-1, si è fatta riagguantare sul tre pari ma nell’undicesimo gioco ha strappato ancor la battuta alla 23enne di Ipswich archiviando poi il primo parziale per 7-5, non prima però di aver annullato alla sua avversaria due chance per il contro-break. Nella seconda frazione, dopo aver salvato due palle-break nel secondo game, Sabalenka è diventata praticamente ingiocabile al servizio: anche la Barty ha concesso poco nei propri turni di battuta ma nel nono gioco, complice anche un doppio fallo ha subito il break. Poco dopo Aryna ha chiuso la pratica (6-4) con uno splendido rovescio lungolinea firmando un punteggio molto simile a quello di dodici mesi fa.

Per la Sabalenka quella di sabato sarà l’ottava finale in carriera (tre i trofei già messi in bacheca, il più recente a Shenzhen lo scorso gennaio), la terza in questa stagione: ha vinto appunto quella di Shenzhen battendo la statunitense Alison Riske mentre ha perso quella di San Jose contro la cinese Saisai Zheng. La bielorussa, dopo la separazione lampo di fine agosto con il coach Dimitry Tursunov, rientrata nel giro di pochi giorni, sembra aver ritrovato le motivazioni che lo scorso febbraio l’avevano portata a firmare un best ranking di valore assoluto, numero 9 Wta.

Aryna si giocherà il titolo con la sorpresa del torneo, la statunitense Alison Riske. Nella semifinale della parte bassa, infatti, la 29enne di Pittsburgh, numero 36 Wta - che aveva firmato l’impresa dei quarti eliminando 61 63 l’ucraina Elina Svitolina, numero 3 del ranking e del seeding, semifinalista nella prima edizione del torneo (2014), contro la quale aveva sempre perso, seppure in tre set, nelle tre sfide precedenti - ha battuto a sorpresa per 75 75, in due ore e cinque minuti di partita, la ceca Petra Kvitova, numero 7 Wta e quinta favorita del seeding, due volte vincitrice del torneo (2014 e 2016). La 29enne mancina di Bilovec, che sembra aver archiviato i problemi al braccio sinistro che negli ultimi mesi l’hanno fatta giocare poco e male, ha sprecato davvero tante buone occasioni contro un’avversaria che non ha mollato un solo “quindici”.

Match combattutissimo con un secondo game durato la bellezza di 22 punti e vinto da Petra dopo aver annullato ben 6 palle-break. Ed invece è stata proprio la ceca a prendere un break di vantaggio nel quinto game ma lo ha restituito immediatamente. Da parte sua la Riske ha strappato la battuta alla sua avversaria quando contava di più, nel dodicesimo gioco, archiviando il primo parziale (7-5). Nella seconda frazione la Kvitova ha fallito una palla-break nel terzo gioco ma nel quinto ha tolto la battuta all’americana arrivando a condurre per 5-3. Nel nono gioco la mancina di Bilovec ha fallito due opportunità di pareggiare il conto dei set, ed ha fatto la stessa cosa anche nel game successivo: la Riske, che non aspettava altro, ha infilato quattro giochi di fila ed ha chiuso al dodicesimo gioco anche il secondo gioco, centrando la finale più importante della sua carriera.

420fc6c2-3659-4a62-827f-a787241c56e3
Play

Questa settimana Alison ha già “fatto fuori” tre teste di serie, la beniamina di casa Qiang Wang (n.8), la Svitolina (n.3) e la Kvitova (n.5): sabato contro Sabalenka proverà adc infilare il poker. Per la Riske sarà la nona finale in carriera (2 i titoli vinti: Tianjin nel 2014 e ‘s-Hertogenbosch quest’anno), la terza stagionale dopo quella sull’erba olandese e quella di Shenzhen. Curiosamente sarà la sesta sfida per il titolo che Alison giocherà sul cemento cinese.
La Sabalenka si è aggiudicata in tre set entrambi i precedenti con la Riske: in finale a gennaio a Shenzhen ed al secondo turno lo scorso anno agli Internazionali BNL d’Italia a Roma.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi