-
Eventi Internazionali

S.Pietroburgo: Sinner lotta ma passa Kukushkin. FUORI Travaglia

Il 18enne altoatesino ha tenuto testa a Kukushkin ma non è bastato. Subito fuori pure il marchigiano, battuto in due set dal francese Mannarino. Matteo Viola ripescato come lucky loser

di | 16 settembre 2019

Ha giocato alla pari ma non è bastato. Jannik Sinner è uscito di scena all’esordio nel "St. Petersburg Open", torneo Atp World Tour 250 con un montepremi di 1.180.000 dollari che si sta disputando sul veloce indoor di San Pietroburgo, in Russia. Il 18enne altoatesino, numero 127 Atp (best ranking), in gara con una wild card - è stato ufficializzato anche “l’invito” per le Next Gen Atp Finals di Milano -, ha ceduto per 63 76(4), in un’ora e 39 minuti di partita, al kazako Mikhail Kukushkin, numero 57 Atp e settima testa di serie, vincitore di questo torneo nel 2010 (unico titolo vinto in carriera dal 31enne di Volgograd).

Il kazako è un giocatore complicato da affrontare, perché non ti propone mai due volte di fila la stessa palla: insomma non certo l’avversario ideale per un “giovane leone”. La cronaca. Jannik non ha sfruttato tre palle-break consecutive in avvio: in compenso è stato lui a cedere la battuta nel quarto gioco dopo aver concesso la palla-break con un doppio fallo. L’altoatesino ha avuto una bella chance per rientrare nel settimo game dove non ha sfruttato ben quattro opportunità (le prima tre consecutive) per il contro-break. Nel gioco successivo Sinner ha cancellato un set-point con un’accelerazione di diritto micidiale ma nel nono gioco Kukushkin ha archiviato il parziale (6-3). Nella seconda frazione il 18enne di Sesto Pusteria ha continuato ad affrontare il suo avversario a viso aperto, ha anche messo a segno diversi colpi spettacolari, ma nel terzo gioco ha ceduto di nuovo il servizio. Nel quarto game, però, alla nona palla-break del match, finalmente l’azzurro è riuscito a togliere la battuta al kazako rimettendo le cose a posto, ma nel settimo Kukushkin si è ripreso il break di vantaggio (4-3) grazie ad un nastro molto poco tricolore. Anche stavolta Jannick ha messo subito a segno il contro-break (4-4). Nel decimo game il kazako è stato costretto ad annullare un set-point con una prima robusta. A decidere un set così equilibrato è stato il tie-break: Kukushkin è volato 3-0 e poi se lo è aggiudicato per 7 punti a 4. Ma Sinner ha davvero giocato alla pari.

Subito fuori anche Stefano Travaglia: il marchigiano, numero 80 del ranking mondiale, è stato battuto per 75 62, in poco meno di un’ora e venti minuti di gioco, dal francese Adrian Mannarino, numero 59 Atp e settima testa di serie. La cronaca. Il 27enne di Ascoli Piceno è partito bene contro il 31enne mancino di Soisy sous Montmorency, che si era aggiudicato in cinque set l’unico precedente, al primo turno dell’ultimo Roland Garros, salendo 4-1 grazie ad un break al quarto gioco. Ma la reazione del transalpino non si è fatta attendere: Mannarino ha ottenuto il contro-break nel settimo gioco e poi ha strappato ancora il servizio all’azzurro nell’undicesimo game - complici due doppi falli consecutivi del marchigiano - archiviando poco dopo il primo parziale (7-5). Stefano ha accusato il colpo ed ha ceduto due volte di fila la battuta in avvio di seconda frazione con il francese che ha portato a sette la striscia di giochi consecutivi allungando sul 4-0. Travaglia ha provato ancora a resistere ma Mannarino ha chiuso 6-2.

Martedì esordio nel main draw per Matteo Viola: il 32enne mestrino, numero 218 Atp (battuto 64 62 dal bielorusso Ilya Ivashka, numero 135 Atp e quarta testa di serie, nel turno decisivo delle qualificazioni), è stato infatti ripescato come lucky loser ed affronterà il russo Evgeny Donskoy, numero 118 del ranking, in gara grazie ad una wild card. Due pari il bilancio dei precedenti ma i due non si affrontano da oltre cinque anni.

Mercoledì invece derby tricolore di primo turno tra Salvatore Caruso, numero 114 Atp, e Thomas Fabbiano, numero 92 Atp: il 30enne pugliese di San Giorgio Jonico ha fatto suo l’unico testa a testa, che risale però al 2013, nei quarti del challenger di Recanati.

Debutterà infine direttamente al secondo turno Matteo Berrettini, numero 13 del ranking mondiale e terza testa di serie: il 23enne romano attende il vincente del match fra lo spagnolo Roberto Carballes Baena, numero 77 Atp, e lo slovacco Martin Klizan, numero 90 Atp.

A guidare il seeding è il russo Daniil Medvedev, numero 4 del ranking mondiale dopo la finale raggiunta agli US Open: il 23enne moscovita precede il connazionale Karen Khachanov, numero 9 Atp, Berrettini ed il croato Borna Coric, numero 15 del ranking mondiale. Per tutti e quattro ingresso in fara direttamente al secondo turno.
Assente il campione in carica Dominic Thiem, impegnato con il “Team Europa” a Ginevra per la “Laver Cup”.

"SuperTennis", la tv della Fit, trasmette in diretta ed in esclusiva il torneo ATP 250 di San Pietroburgo. Questa la programmazione:
martedì 17 settembre - LIVE alle ore 12.00, alle ore 14.00, alle ore 16.00 ed alle ore 17.30; in replica dalle ore 23.00
mercoledì 18 settembre - LIVE alle ore 12.00, alle ore 14.00, alle ore 16.00 ed alle ore 17.30
giovedì 19 settembre - LIVE alle ore 12.00, alle ore 14.00, alle ore 16.00 ed alle ore 17.30; in replica dalle ore 23.00
venerdì 20 settembre - LIVE alle ore 17.30; differita alle ore 23.00
sabato 21 settembre - differita alle ore 17.00 ed alle ore 23 .00 (semifinali)
domenica 22 settembre - differita alle ore 20.00 (finale)
 


Risultati e tabellone

"St Petersburg Open"
ATP World Tour 250
San Pietroburgo, Russia
16 - 22 settembre, 2019
$1.180.000 - veloce indoor

SINGOLARE
Primo turno
(LL) Matteo Viola (ITA) c. (wc) Evgeny Donskoy (RUS)
(3) Matteo Berrettini (ITA) bye
 (7) Adrian Mannarino (FRA) b. Stefano Travaglia (ITA) 75 62
Salvatore Caruso (ITA) c. Thomas Fabbiano (ITA)
(6) Mikhail Kukushkin (KAZ) b. (wc) Jannik Sinner (ITA) 63 76(4)

Secondo turno
(3) Matteo Berrettini c. vinc. Roberto Carballes Baena (ESP)-Martin Klizan (SVK)

DOPPIO
Primo turno
Stefano Travaglia/Marton Fucsovics (ITA/HUN) c. Frederik Nielsen/Tim Puetz (DEN/GER)
Matteo Berrettini/Simone Bolelli (ITA) c. (3) Roman Jebavy/Philipp Oswald (CZE/AUT)

QUALIFICAZIONI
Primo turno
Matteo Viola (ITA) b. (wc) Alexander Vasilenko (RUS) 62 57 62

Turno di qualificazione
 (4) Ilya Ivashka (BLR) b. Matteo Viola (ITA) 64 62

 

IL TABELLONE AGGIORNATO

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi

geolele
16 settembre 2019

Forza Matteo!!! C'è il fortissimo Medvedev padrone di casa ma abbiamo fiducia in te!!!

dutasa
16 settembre 2019

Berettini avanti tutta, oramai ci sei solo tu