-
Eventi Internazionali

La versione di Taylor: fuori Halep!

Con 105 discese a rete, la statunitense dal tennis vintage elimina la campionessa di Wimbledon. Petkovic supera una sofferente Kvitova e centra la prima vittoria contro una top 10 del 2019. Sevastova rimonta Swiatek, Osaka domina Linette ma adesso trova Cori Gauff, teenager d'assalto

di | 30 agosto 2019

E' scesa a rete 105 volte, una ogni due punti giocati nella partita. Taylor Townsend  mostra la miglior versione del suo tennis decisamente personale. Attraversa Flushing Meadows come un'anomalia, come una distrazione, come un taglio di luce su un sentiero poco battuto. Superate le qualificazioni, dopo aver battuto al primo turno Kateryna Kozlova, Townsend ha completato la seconda rimonta del torneo. Ha appassionato il pubblico sull'Arthur Ashe e piegato Simona Halep 26 63 76. E' la sua prima vittoria su una top 10.
Townsend, che pochi mesi fa a Charleston aveva festeggiato il primo successo su una delle prime 20 giocatrici del mondo, eguaglia il suo miglior risultato Slam. Era arrivata al terzo turno anche al Roland Garros 2014, a 18 anni e un mese: era la più giovane in cinque anni a vincere due partite alla Porte d'Auteuil. Ha davanti un'altra porta, Taylor, l'inizio di un viaggio che porta un po' più lontano. Prossimo step, Sorana Cirstea che ha eliminato Aliona Bolsova.

Danza Andrea Petkovic, che ravviva il suo grande sogno americano. In 97 minuti, completa la prima vittoria su una top 10 della stagione, la terza dal 2016. La tedesca supera 64 64 Petra Kvitova, che ha continuato a pagare le conseguenze dell'infortunio al braccio sinistro per cui si era ritirata dal torneo del Bronx della scorsa settimana. 

IL TABELLONE AGGIORNATO


Petkovic, che va molto d'accordo con Kvitova, ha mantenuto un chiaro piano d'attacco: ha spinto contro il dritto della ceca, che infatti ha commesso 16 gratuiti e altri sei forzati con il suo colpo migliore.
La tedesca, capace di sconfiggere Kvitova anche all'Australian Open del 2018, ha la possibilità di eguagliare i quarti di finale raggiunti nel 2011, il suo miglior risultato a Flushing Meadows. La sconfitta di Sloane Stephens al primo turno contro la ventenne russa Alina Kalinskaya ha infatti aperto parecchio la sua sezione di tabellone. Per spingersi alla seconda settimana, Kvitova dovrà incontrare Elise Mertens o Krystina Pliskova.

"Nelle ultime settimane, mi sono sentita bene anche mentalmente" ha detto Petkovic, come riporta il sito della WTA. "Ho cercato di godermi ogni momento della partita, di pensare un punto alla volta, e questo approccio devo dire che sta funzionando. Ci sono stati alti e bassi, ma ho giocato meglio i punti importanti".

La gioia di Osaka

Continua la difesa del titolo di Naomi Osaka, che supera 62 64 Magda Linette e si prepara a incontrare Cori Gauff (che ha superato l'ungherese Babos in tre set tiratissimi e spttacolari) in quello che sarebbe un terzo turno deluxe. La polacca, che arrivava da nove vittorie consecutive, ha avuto solo una breve, illusoria parentesi di competitività all'inizio del secondo set. Osaka, sotto gli occhi dell'ex stella NBA Kobe Bryant e del quarterback NFL Colin Kaepernick, ritrova fiducia e spinta regolare da fondo in misura direttamente proporzionale. E vince una partita che riesce a controllare pur senza giocare al suo meglio.

Sevastova in rimonta

Non banale il successo 76 al terzo di Karolina Muchova su Hsieh su-wei né la rimonta di Anastasia Sevastova che sul campo 9 supera la diciottenne polacca Iga Swiatek, 36 61 63. Numero 49 del mondo, una delle nove teenager in tabellone, Swiatek completa il match con 28 vincenti ma anche 54 errori contro i 24 della lettone che ha cambiato la storia della partita con il primo break del secondo set, 

Sevastova ottiene così la 28ma vittoria della stagione e avvicina di un passo i quarti di finale, che ha raggiunto qui nelle ultime tre edizioni, e mai in tutte le sue altre partecipazioni nei tornei dello Slam. Al terzo turno, intanto, affronterà la testa di serie numero 22 Petra Martic che ha sconfitto nell'ultimo precedente, nella finale del torneo di Bucarest dell'anno scorso.

Alla giornata delle sorprese si iscrive anche Yulia Putintseva. Già arrivata nei quarti al Roland Garros, già capace di sorprendere la numero 1 del mondo Naomi Osaka a Wimbledon, la kazaka aveva vinto solo due prime partite prima di quest'anno al Billie Jean King National Tennis Center. Ha raddoppiato la sua dotazione, però, grazie al 63 76 sulla testa di serie numero 9, Aryna Sabalenka. Putintseva, che non vinceva due partite di fila da Birmingham, centra la sesta vittoria su una top 20 in stagione. Si giocherà un posto negli ottavi contro Donna Vekic, che l'ha sconfitta in tutti i tre più recenti confronti diretti.

Ventisette vincenti spingono poi Bianca Andreescu al terzo turno per la prima volta in uno Slam. La canadese, testa di serie numero 15, ha chiuso 63 75. "Flipkens è un'avversaria complicata da affrontare" ha detto in conferenza stampa, "non ti dà ritmo. Sono felice di come ho gestito la situazione in campo". La belga, che ha chiuso con 24 vincenti e 18 errori, non è più riuscita a superare due turni in un major dopo Wimbledon 2014.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi