-
Eventi Internazionali

Barazza ‘gioca’ lo Slam: “Lotta a tre, ma occhio a Medvedev”

Il capitano di Coppa Davis dell’Italia fa il punto sul tennis internazionale e sull’ultimo Slam dell’anno al via. “Spero che qualche giovane venga fuori, ma son tutti lì nel mezzo, e non hanno un gioco che li possa identificare. Favoriti Djokovic, Nadal e Federer”

di | 26 agosto 2019

L'attenzione è tutta per loro, per i Fab 3 e per il primo turno Serena Williams-Sharapova. Icone di un tennis che non passa mai di moda. Eppure qualcosa si muove, anche se il tennis si rivela sempre meno sport per giovani.

"Spero che qualcuno dei più giovani venga fuori davvero", ci spiega Corrado Barazzutti che in questa vigila dell'ultimo Slam dell'anno 'gioca' per noi gli Us Open in partenza. "Eppure sono tutti lì nel mezzo, e non hanno un gioco che li possa identificare". E quindi lo Us Open sarà ancora una corsa a tre...

Solo Djokovic, Nadal e Federer o può inserirsi qualche giovane e fare l'exploit?
"Io spererei che ci fossero dei giovani in grado di farlo. Ma promettono, promettono, e però fanno fatica a venire fuori davvero. Spero che qualcuno di loro possa cambiare il panorama del tennis internazionale ma credo che per ora i favoriti siano sempre Djokovic, Nadal, Federer, che non so se arriva nelle condizioni migliori ma certamente sarà un Roger diverso rispetto a quello di un Masters 1000…”.

Tra gli outsider della nuova generazione chi vede più avanti?
"Se lo augurano tutti che ci sia un cambiamento ai vertici. C'è Tsitsipas che gioca bene, ma l'unico che vedo possa fare risultato in questo momento è Medvedev, se ce la fa a tenere questi ritmi. È sicuramente il giovane più interessante e quello su cui erano meno puntati i riflettori. Gioca molto, molto bene".

Al primo turno, per il secondo anno consecutivo, si incontreranno Shapovalov e Auger-Aliassime: che chances possono avere?
"Aliassime è sempre pericoloso, potrebbe iniziare a giocare molto bene. Shapovalov sembra sempre lì lì, può giocar bene ma non riesce a trovare consistenza. Poi qual è il suo tennis? Non si capisce ancora. Aliassime, invece, è un po' più ordinato”.

L'unico che mi sembra possa fare risultato in questo momento è Daniil Medvedev, se ce la fa a tenere questi ritmi

Sascha Zverev negli Slam è ancora un enigma: da tecnico come lo vede?
"Zverev mi sembra quasi involuto, dal mio punto di vista. Poi per me non gioca nel modo giusto, si è un po' perso. Ha perso il filo conduttore che all'inizio aveva. Ora gioca troppo dietro, non sta servendo così bene. Non si capisce che tipo di giocatore sia".

Cosa manca ai giovani per emergere?
"Sono poco consistenti, non hanno un gioco che li identifica. Non sono solidi, non sono aggressivi, sono lì nel mezzo. Parliamo comunque di giocatori che devono confrontarsi con delle leggende che hanno dimostrato cosa significa la consistenza, la tecnica, cosa significa giocar bene non per un quarto d'ora. Ai giovani manca un po' di tennis e forse un po' di carattere, di concentrazione, di determinazione. Ci vuole una testa molto forte per confrontarsi con giocatori forti fisicamente, tecnicamente tra i migliori del mondo. Sanno stare in campo, ci sanno stare bene e non hanno pause: se giochi male cinque minuti, ti partono tre game. Abbiamo giocatori bravi ma fragili sotto questo punto di vista".

Ci vuole una testa molto forte per confrontarsi con dei giocatori che hanno dimostrato di essere leggende

Nel torneo femminile, l'attenzione è dominata dal primo turno tra Serena e Sharapova, due simboli quasi di un'altra epoca. Oggi lo scenario è molto più fluido. Chi potrebbe sorprendere?
"Andreescu non gioca niente male, per me può fare molto bene. Ce ne sono di giovani che giocano bene. Per dire, Osaka non è 'vecchia'. Anche lei per un certo periodo non ne vinceva tante poi all'improvviso ha iniziato a vincere. O la stessa Barty, che chissà dove sarebbe potuta già arrivare se non si fosse fermata un anno a giocare a cricket. Ora in tante hanno un potenziale alto, ma poca capacità di tenere la continuità. Il gap tra quando giocano bene e quando giocano male è troppo marcato. Sicuramente verranno fuori. Gauff dovrebbe essere una predestinata".

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi