-
Eventi Internazionali

Troppa Azarenka per Camila

Dura davvero poco l’avventura di Camila alla “Rogers Cup” sul cemento canadese: la 27enne marchigiana è andata infatti a sbattere all’esordio contro la bielorussa determinata a “vendicare” le sconfitte nei due precedenti. L’azzurra ha pagato una giornata pessima al servizio

di | 07 agosto 2019

Dopo la finale raggiunta a Washington la scorsa settimana le quotazioni di Camila Giorgi si erano decisamente rialzate. Ecco però arrivare subito una piccola doccia fredda all’esordio della "Rogers Cup", torneo WTA Premier 5 dotato di un montepremi di 2.830.000 dollari in corso sui campi in cemento di Toronto (ad anni alterni con Montreal), in Canada. La 27enne marchigiana, risalita al numero 52 del ranking mondiale, ha infatti ceduto per 62 62, in poco meno di un’ora ed un quarto di partita, alla bielorussa Victoria Azrenka, numero 39 Wta, apparsa peraltro in grande spolvero. Pessima giornata alla battuta per Camila: 9 doppi falli, contro 2 ace, in otto turni di servizio (ne ha difesi solo due) ed un percentuale di prime in campo inferiore al 50%.

La Giorgi si era aggiudicata entrambi i precedenti disputati con la 30enne di Minsk: tre set combattuti al primo turno sull’erba di Eastbourne nel 2014, e nei quarti sul cemento di Tokyo lo scorso anno quando Vika si ritirò nel primo set per un infortunio sul 5-3 per l’azzurra. L’inizio della partita - ritardato di tre quarti d’ora buoni a causa di un acquazzone improvviso - non è stato troppo incoraggiante con Camila che ha ceduto la battuta già nel terzo gioco: se lo è ripreso immediatamente riagganciando Vika sul due pari ma poi ha subito un parziale di cinque giochi consecutivi, perdendo il servizio per tre volte di fila. Quindi ceduto il primo parziale per 6-2, l’azzurra si è trovata subito indietro di un break: lo ha recuperato subito (1-1) ma poi ha di nuovo perso la battuta - giornata pessima al servizio per la marchigiana - con Azarenka che ha allungato sul 3-1. Nel settimo gioco è arrivato un secondo break per Vika che ha poi siglato il definitivo 6-2 sull’errore di rovescio lungo-linea della Giorgi.

Camila la scorsa settimana era tornata protagonista nel circuito. Lei che non vinceva un match da oltre sei mesi (secondo turno degli Australian Open) e che era stata a lungo rallentata da un infortunio al polso sinistro, improvvisamente aveva mandato un gran bel segnale di ripresa: a Washington aveva infilato quattro vittorie di fila raggiungendo la finale (non le accadeva da Linz, lo scorso ottobre, quando poi si era aggiudicata il suo secondo trofeo Wta) e cedendo solo ad una Jessica Pegula che aveva giocato la partita della vita. L’azzurra era rientrata nel tour in occasione del WTA International sui campi in cemento del Rock Creek Park Tennis Center della capitale americana dopo oltre un mese di stop: non giocava un match ufficiale dall'eliminazione al primo turno di Wimbledon (battuta dall’ucraina Yastrmska) dove difendeva i quarti del 2018. E non metteva in fila due partite dallo scorso gennaio, a Melbourne. A marzo, dopo Miami, si era fermata fino a giugno quando era tornata in campo ad Eastbourne e poi aveva giocato lo sfortunato match ai “The Championships”. Certo, la sconfitta contro Azarenka, complice sicuramente un po’ di stanchezza - più mentale che fisica - ridimensiona gli entusiasmi, ma non l’ottimismo.

Ci sono qualcosa come 9 delle prime 10 e 17 delle prime 20 tenniste della classifica mondiale nel tabellone principale del Premier 5 canadese. Le uniche assenti sono le ceche Petra Kvitova (numero 6 Wta, vincitrice a Montreal nel 2012) e Marketa Vondrousova (numero 15 Wta) e la cinese Qiang Wang (numero 16 Wta).

A guidare il seeding è Ashleigh Barty, al rientro nel circuito dopo la sconfitta nei quarti a Wimbledon. Alle spalle della regina del ranking mondiale ci sono la giapponese Naomi Osaka (numero 2 Wta), con le carte in regola per riprendersi lo scettro mondiale, la ceca Karolina Pliskova (numero 3 Wta), la rumena Simona Halep (numero 4 Wta), campionessa in carica (anche se sul cemento di Montreal dove aveva vinto anche nel 2016), l’olandese Kiki Bertens (numero 5 Wta), l’ucraina Elina Svitolina (numero 7 Wta, a segno a Toronto nel 2017) e le statunitensi Sloane Stephens (numero 8 Wta), finalista dodici mesi fa, e Serena Williams (numero 10 Wta, tre volte vincitrice, curiosamente sempre a Toronto: 2001, 2011 e 2013). Le prime otto teste di serie entreranno in gara direttamente al secondo turno.

Tra le “past champion” sono approdate al secondo turno anche la danese Caroline Wozniacki, numero 18 del ranking mondiale, a segno a Montreal nel 2010, e la svizzera Belinda Bencic, numero 12 Wta, trionfatrice proprio a Toronto nel 2015.

"SuperTennis", la tv della Fit, trasmette in diretta ed in esclusiva il torneo WTA Premier di Toronto. Questa la programmazione:
martedì 6 agosto - LIVE
Barty (AUS) c. KENIIN (USA)
alle ore 23.00
Pavlyuchenkova (RUS) c. Sabalenka (BLR)

mercoledì 7 agosto - LIVE
alle ore 01.00
Bouchard (CAN) c. Andreescu (CAN)
alle ore 03.00
Stephens (USA) c. Bouzkova (CZE)
in replica dalle ore 05.00

mercoledì 7 agosto - LIVE LIVE alle ore 17.00, alle ore 19.00, alle ore 21.00 ed alle ore 23.00

giovedì 8 agosto - LIVE alle ore 01.00 ed alle ore 03.00; in replica dalle ore 06.30; LIVE alle ore 17.00, alle ore 19.00 ed alle ore 21.00; replica alle ore 23.00
venerdì 9 agosto - LIVE alle ore 01.00 ed alle ore 03.00; in replica dalle ore 08.15; LIVE alle ore 18.30 ed alle ore 20.30; replica alle ore 23.00
sabato 10 agosto - LIVE alle ore 01.00 ed alle ore 03.00 (quarti); in replica alle ore 06.30; LIVE alle ore 19.00 (semifinale1)
domenica 11 agosto - LIVE alle 00.05 (semifinale2); in replica dalle ore 09.15 e dalle ore 15.00; LIVE alle ore 19.30 (finale
)

Risultati

"Rogers Cup"
Wta Premier 5
Toronto, Canada
5 - 11 agosto, 2019
$2.830.000 - cemento

SINGOLARE
Primo turno
Victoria Azarenka (BLR) b. Camila Giorgi (ITA) 62 62

 

SINGOLARE

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi