-
Eventi Internazionali

Parigi: tutte contro Naomi

Sorteggio del tabellone del Roland Garros tutt’altro che fortunato per la numero uno del mondo, vincitrice degli ultimi due Slam. Dalla parte di Naomi è capitata anche Serena, che insegue sempre il record Slam. Ma la giocatrice da battere potrebbe essere proprio la campionessa in carica Halep.

di Tiziana Tricarico | 23 maggio 2019

Riuscirà Naomi Osaka, dopo New York e Melbourne, a conquistare anche Parigi? Riuscirà Serena Williams ad aggiudicarsi il 24esimo trofeo Slam e ad eguagliare finalmente il record di Margareth Court? Riuscirà Simona Halep a confermarsi regina del Roland Garros? Sono queste le domande principali alle quali dovrà dare una risposta lo Slam francese che scatta domenica sui campi in terra rossa del Bois de Boulogne. E la cerimonia del sorteggio, svoltasi nell’edificio dell’Orangerie nei Jardin des Serres d’Auteuil e condotta da uno dei più grandi sportivi d’Oltralpe, Teddy Riner - judoka (categoria +100 kg) vincitore di due ori olimpici (Londra e Rio), dieci titoli mondiali e cinque europei -, ha già fornito indicazioni sui possibili scenari. A cominciare dal tabellone decisamente complicato della regina del ranking mondiale, per non parlare di alcuni primi turni di fuoco come Svitolina-Venus Williams, Azarenka-Ostapenko o Sabalenka-Cibulkova.

1° Quarto

E’ quello presidiato da Naomi Osaka. Per la numero uno del ranking, che proprio a Parigi si mise in evidenza per la prima volta nel 2016 raggiungendo il terzo turno (poi bissato lo scorso anno), esordio contro la slovacca Schmiedlova, numero 92 Wta, ma secondo turno decisamente impegnativo con la vincente del match tra la lettone Jelena Ostapenko, numero 40 Wta, campionessa a sorpresa nell’edizione del 2017 (lo scorso anno fuori già al primo turno), e la bielorussa Victoria Azarenka, numero 44 Wta, semifinalista nel 2013. Probabile terzo turno con la greca Maria Sakkari, numero 29 Wta, che ad aprile sulla terra di Rabat ha vinto il suo primo titolo in carriera e che ha raggiunto le semifinali al Foro Italico, e sulla carta ottavi contro Madison Keys, numero 14 Wta, semifinalista lo scorso anno (stoppata dalla Stephens), che in questa stagione si è aggiudicata il titolo sulla terra verde di Charleston. In questo stesso quarto c’è Serena Williams, numero 10 Wta, vincitrice a Parigi nel 2002, 2013 e 2015 (finalista anche nel 2016), che lo scorso anno si è ritirata negli ottavi per un problema ai muscoli pettorali. L’americana, alla 17esima partecipazione allo Slam francese, non ha ancora vinto un titolo da quando è rientrata dopo la maternità: per lei esordio contro la russa Diatchenko, numero 82 Wta, ma il problema più grosso è rappresentato dal probabile terzo turno con la giovane canadese Bianca Andreescu, numero 22 Wta, vincitrice a sorpresa ad Indian Wells ma ferma da Miami per un problema alla spalla. Probabile ottavo contro l’aussie Ashleigh Barty, alle prese però con una superficie che non le è congeniale: la 22enne di Ipswich non è mai andata oltre il secondo turno in cinque partecipazioni.

2° Quarto

Non bastasse, nella metà di tabellone presidiata dalla Osaka è finita anche Simona Halep, numero 3 Wta, campionessa in carica (la 27enne di Costanta ha giocato anche le finali del 2014 e del 2017): per lei tutto sommato tabellone comodo fino agli ottavi con una tra la russa Daria Kasatkina o la cinese Qiang Wang, rispettivamente 21esima e 16esima testa di serie. I problemi di Simona cominciano dai quarti perché si troverà probabilmente di fronte Aryna Sabalenka, 11esima testa di serie, che ha giocato il suo primo Roland Garros lo scorso anno perdendo al primo turno (e che anche stavolta rischia contro la slovacca Dominica Cibulkova, numero 35 Wta, semifinalista nel 2009 ed ancora nei quarti nel 2012), o la ceca Petra Kvitova, sesta favorita del torneo, semifinalista nell’edizione del 2012, che quest’anno è andata a segno sulla terra indoor di Stoccarda. In questo spicchio di tabellone da tenere d’occhio anche l’estone Anett Kontaveit, 17esima testa di serie, e la 17enne statunitense di origini russe Amanda Anisimova, numero 51 Wta, vincitrice sul “rosso” di Bogotà.

3° Quarto

E’ quello presidiato da Kiki Bertens, numero 4 del seeding. L’olandese, semifinalista a Parigi nel 2016, quest’anno sulla terra ha vinto il titolo a Madrid: al terzo turno potrebbe ritrovare la britannica Johanna Konta, numero 26 Wta dopo la finale raggiunta agli Internazionali BNL d’Italia, dalla quale è stata sconfitta proprio al Foro Italico. Ma è la parte superiore di questo settore del draw ad essere davvero interessante con la statunitense Sloane Stephens, settima testa di serie, finalista lo scorso anno (e quattro volte di fila negli ottavi tra il 2012 ed il 2015), che potrebbe incontrare già negli ottavi una tra la spagnola Garbine Muguruza, numero 19 Wta, campionessa nel 2016 (ma anche semifinalista lo scorso anno e nei quarti nel 2014 e nel 2015), e l’ucraina Elina Svitolina, nona testa di serie, che al Roland Garros ha raggiunto due volte i quarti, nel 2015 e nel 2017. La fidanzata di Gael Monfils, però, con pochissimi match nelle gambe quest’anno sul “rosso” ha un esordio tutt’altro che agevole contro Venus Williams, numero 52 Wta, alla 21esima presenza nel Major francese dove vanta la finale del 2002 (stoppata da Serena).

4° Quarto

La favorita d’obbligo è Karolina Pliskova, numero due del seeding: la ceca, campionessa degli Internazionali BNL d’Italia, è stata semifinalista al Roland Garros due anni fa. La 27enne di Louny, però, ha un tabellone abbastanza complicato: a parte l’esordio con l’americana Madison Brengle, numero 97 Wta, potrebbe trovare al secondo turno la russa Svetlana Kuznetsova, scesa al numero 102 Wta ma campionessa nell’edizione del 2009, quindi la francese Kristina Mladenovic, numero 54 Wta, (quarti nel 2017), tornata pericolosa sotto la guida di coach Sascha Bajin, o la croata Petra Martic, numero 31 Wta, e probabile ottavo con la danese Caroline Wozniacki, 13esima testa di serie, che nelle undici partecipazioni precedenti non è mai andata oltre i quarti (2010 e 2017) ma che quest’anno per la stagione sulla terra ha chiesto aiuto a Francesca Schiavone (regina di Parigi nel 2010 ed ancora finalista l’anno successivo). In questo settore del draw da tenere d’occhio anche la tedesca Angelique Kerber, quinta testa di serie, che all’ombra della Tour Eiffel ha raggiunto inquarti nel 2012 ed ancora lo scorso anno: in caso di vittoria parigina “Angie” completerebbe il Careeer Grand Slam.

Ottavi ipotetici

Questi, secondo il sorteggio, le possibili sfide degli ottavi: (1) Osaka-(14) Keys, (10) S.Williams-(8) Barty, (3) Halep-(16) Q.Wang, (11) Sabalenka-(6) Kvitova, (7) Stephens-(9) Svitolina, (15) Bencic-(4) Bertens, (5) Kerber-(12) Sevastova, (13) Wozniacki-(2) Ka.Pliskova.

CLICCA QUI PER IL TABELLONE FEMMINILE