-
Campioni internazionali

Serena torna a Lexington. E anche la Clijsters non molla

La vincitrice di 23 Slam, 38 anni, si è iscritta al primo torneo Wta in calendario negli Usa: si prepara a tentare di conquistare gli Us Open uguagliando il record di Margaret Smith-Court. E anche la belga, 37enne con tre figli, è motivatissima a tornare protagonista

17 luglio 2020

A un mese e mezzo dell'inizio degli US Open (31 agosto-13 settembre), Serena Williams fa sapere che tornerà in campo Lexington. Gli organizzatori della prova (prevista dal 10-16 agosto nella città del Kentucky) recentemente aggiunta al calendario dal WTA, hanno annunciato la presenza della campionessa via Twitter.

Vincitrice di 23 Slam, Serena non gioca da febbraio e precisamente dall'incontro della Fed Cup tra Stati Uniti e Lettonia (vittoria USA per 3-2). Poi c’è stata la pausa dovuta all’emergenza Coronavirus.

L’inizio di stagione era stato discreto per la 38enne americana: aveva vinto il torneo di Auckland prima di essere eliminata al terzo turno degli Australian Open dalla cinese Wang Qiang.

Serena è disposta al tutto per tutto pur di riuscire a vincere il 24esimo titolo del Grande Slam (e così eguagliare il record assoluto di Margaret Court). E’ il suo obbiettivo primario prima di mettere fine alla sua carriera. Ha già annunciato che sarà presente a New York per gli US Open: è il primo torneo che aveva messo in agenda pensando alla ripresa dopo la lunga pausa del circuito.

Ora a deciso di prendere la rincorsa partendo da Lexington dove potrebbe avere la possibilità di confrontarsi subito con un’altra ex vincitrice dello Slam americano, la sua connazionale Sloane Stephens, campionessa a Flushing Meadows nel 2017.

Kim, un’altra mamma che non s’arrende – Nel frattempo c’è un’altra grande mamma del tennis, anche lei attempatella e dal fisico imponente che sembra in buona forma e pronta a tornare ufficialmente in campo.

Kim Clijsters, 37 anni, già ritiratasi dal tennis e inserita nella Hall of Fame di Newport tra gli immortali del tennis, si è fatta vedere in azione insieme a Danielle Collins (n ° 51), Sofia Kenin (n ° 4 e vincitore dell'Australian Open all'inizio dell'anno) e Bernarda Pera (n ° 60) durante il World Team Tennis, una esibizione organizzata negli Stati Uniti. E’ vero che si tratta di partite brevi (i match consistono in un solo set ai 4 giochi con tie-break sul 4-4) ma la belga ha dimostrato di essere in buone condizioni e già motivata prima che ripartano tornei ufficiali.

L'ex numero 1 al mondo ha deciso di riprendere in mano la racchetta quest'anno dopo sette anni di assenza dai campi. La pandemia di coronavirus aveva fermato il suo tentativo lasciandole solo il tempo di giocare due partite (entrambe perse, a Dubai contro Garbine Muguruza finalista agli Australian Open e a Monterrey contro l’inglese Johanna Konta) prima che il circuito fosse interrotto. Un paio di settimane fa aveva spiegato che il Covid-19 non ha in alcun modo inciso sul suo desiderio di tornare a giocare ad alto livello.

Kim, che si è sposata dal 2007 con l’ex pro di basket americano Brian Lynch, ha tre figli: Jada di 12 anni, Jack di 6 e Blake di 3 anni. Nel 2009 era riuscita nell’impresa di rientrare in azione dopo la prima gravidanza vincendo gli Us Open. Ora lancia una nuova sfida.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi