-
Campioni internazionali

Succede anche a loro: il grande Sascha non prende il campo

Sempra impossibile ma anche a un fuoriclasse come Alexander Zverev basta un periodo di lockdown per perdere completamente il controllo di un colpo

di | 22 giugno 2020

Oggi non prendevo il campo: è un modo di dire comune tra i comuni mortali con racchetta. Un’iperbole che vuol rappresentare quelle giornate in cui non “sentiamo” la palla, siamo sempre in ritardo o in anticipo, giochiamo troppo corto e appena cerchiamo di spingere tiriamo due metri fuori.

A chi non è capitato? E abbiamo sempre pensato che fossero cose da “quarta categoria”, il popolo degli agonisti, o da amatori del circuito Fit-Tpra. Tennisti normali, magari appassionatissimi ma che giocano per divertimento nel tempo libero.

Grande consolazione ci arriva dall’Adria Cup, dalle immagini che combina anche un fenomeno come Alexander Zverev quando torna in campo dopo un periodo, quello del lockdown, in cui non ha potuto allenarsi a dovere.

Ti immagineresti una maggior percentuale di errore: ci sta. E invece anche Sascha, non prende il campo. Pare impossibile ma anche il numero 7 del mondo, uno dei probabili leader del futuro, mostra di avere un colpo dove certi automatismi non sono ancora consolidati.

Frammenti della sua partita contro Danilo Petrovic, impietosamente rilanciati sui social, ci mostrano addirittura un servizio in cui il tedesco non la mette solo fuori dal rettangolo designato, ma oltre la linea di fondo.

Non ci credete? Guardare, qui sotto, per credere….

Non contento Zverev ha mostrato l'altra faccia della sua "giornata no" al servizio: quella della parte sbagliata.

Anche qui, guardare per credere...

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi