-
Campioni internazionali

31 maggio: che sorpresa sulla terra!

Nel 2009 fu il giorno della prima sconfitta di Rafael Nadal al Roland Garros, per mano dello svedese Soderling. Lo spagnolo in 15 anni di partecipazione avrebbe perso soltanto un’altra partita, contro Djokovic nel 2016, vincendone 93. E 12 titoli

di | 31 maggio 2020

Il 31 maggio del 2009 si giocano gli ottavi di finale degli Open di Francia e lo svedese Robin Soderling, n. 25 del mondo, compie un’impresa storica: batte il n.1 Rafael Nadal in 3 ore e 30 minuti di partita con il punteggio di 6-2 6-7(2) 6-4 7-6(2).

E’ la prima sconfitta in assoluto di Nadal al Roland Garros. Arriva dopo 31 partite vinte consecutivamente dal giorno del suo esordio nel 2005 e 4 titoli conquistati.

Il senso dell’impresa si coglie ancor meglio considerando che successivamente lo spagnolo sarebbe arrivato all’attuale, impressionante record di 12 successi a Parigi con uno score che ad oggi è di 93 partite vinte e 2 sole sconfitte.

Dal 2005 infatti Nadal ha mancato il bersaglio solo 3 volte: la prima per colpa di Soderling nel 2009; la seconda per mano di Novak Djokovic (che lo ha eliminato nei quarti di finale dell’edizione 2015 con un netto 7-5 6-3 6-1 salvo poi soccombere in finale contro Stan Wawrinka); la terza a causa di un serio infortunio al polso che, nel 2016, lo ha costretto a ritirarsi prima di scendere in campo, per il terzo turno, contro il connazionale Marcel Granollers (aveva vinto facilmente il secondo contro l’argentino Facundo Bagnis grazie a un’infiltrazione).

La vittoria di Soderling non solo permise allo svedese di raggiungere poi la finale del torneo superando anche il russo Davydenko e il cileno Fernando Gonzalez. Ebbe un altro effetto importante sugli eventi tennistici: consentì a Roger Federer di conquistare il suo primo (e probabilmente ultimo) titolo al Roland Garros, completando così il suo Career Grand Slam.

Lo svizzero, che aveva perso le tre precedenti finali parigine contro Nadal, infatti non si lasciò sfuggire l’occasione creata dalla sconfitta del rivale e non lasciò scampo al grande battitore Robin, superandolo 6-1 7-6(1) 6-4 in un’ora e 55 minuti.

Soderling non fu comunque una meteora. Nel 2010 arrivò nuovamente alla finalissima del Roland Garros, dove fu battuto proprio da Nadal in tre set, e raggiunse i quarti a Wimbledon e agli Us Open, chiudendo la stagione come n.5 del mondo.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi