-
Campioni internazionali

Famiglia, cucina e trucco: anche Serena resta a casa

La 23 volte campionessa Slam chiede ai suoi tifosi di fare come lei e rimanere a casa per contrastare il contagio da coronavirus. "Questa è una cosa seria" ha scritto su Instagram. Suo marito rinforza il messaggio: "Sarà dura ma ce la faremo. E’ il momento di essere prudenti e responsabili" scrive

di | 15 marzo 2020

Un messaggio responsabile senza rinunciare ad un tocco di cipria. Serena Williams, personalità forte al servizio dello sport, non a caso nominata una delle 100 donne più influenti del secolo, ha lanciato un messaggio forte a chi si ostina a non capire la gravità dell’emergenza coronavirus: “Resterò isolata in casa per sei settimane – ha scritto sui suoi profili social ufficiali - . Rimanete al sicuro, questa è una cosa seria”.

A poche ore dall’annuncio dello stato di emergenza nazionale anche negli Stati Uniti e, per quel che riguarda il tennis, dalla cancellazione a raffica dei grandi eventi del tour (a tale proposito nella serata di ieri è arrivata anche la notizia dello stop al torneo di Stoccarda), la regina di 23 prove dello Slam in un videomessaggio su Instagram ha spiegato ai fan cosa farà in questo periodo di emergenza e timori: “Trascorrerò le prossime sei settimane in solitudine – ha scritto la 38enne statunitense - . Farò la moglie, farò la mamma, cucinerò, farò le pulizie in casa, il cambio di stagione, farò maschere per il viso e seguirò tutorial per il trucco”. Detto, fatto: Serena parla e intanto si rifà il trucco… in fondo “I’m strong, I’m powerful and I’m beautiful at the same time” è il suo motto preferito, la sua filosofia di vita.
Passeremo molto più tempo a casa con la famiglia – ha aggiunto il marito Alexis Ohanian in un post pubblicato accanto ad una foto che lo ritrae con la piccola Olympia - , prendete seriamente la situazione, sarà dura ma ce la faremo. E’ il momento di essere prudenti e responsabili; facciamolo per le persone che abbiamo accanto, specialmente quelle più vulnerabili”.
Dopo il successo di inizio anno a Auckland (il 73° in carriera, il primo dopo un digiuno di tre anni), dopo gli Australian Open (sconfitta al terzo turno dalla cinese Qiang Wang, ndr) e dopo la Fed Cup (ultima apparizione ufficiale su un campo da tennis a Everett nella sfida tra Usa e Lettonia, ndr), la Williams per qualche settimana si era dedicata alla sua ‘altra passione’: la moda. Nel corso della settima della moda di New York aveva presentato la collezione primaverile della sua linea ‘S by Serena’, in uno degli eventi collaterali aveva incontrato la direttrice di Vogue Anna Wintour, infine qualche giorno più tardi era apparsa come ‘guest judge’ nel noto talent show sul mondo della moda ‘Project Runway’. Tutto questo prima dell’espandersi del virus. Qualche giorno fa… sembra una vita fa.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi