-
Campioni internazionali

Del Potro riparte, Anderson ko ma...

L’argentino celebra il suo ritorno in campo per i primi allenamenti dopo l’ennesimo intervento con un video che lo mostra mentre torna a colpire la palla. Il gigante sudafricano è stato operato al ginocchio destro e rientrerà nel 2020: ma in ottobre è previsto un lieto evento

di | 13 settembre 2019

Juan Martin Del Potro, si infila le scarpe da tennis, si alza dalla panchina ed entra in campo per il suo primo giorno con la racchetta in pugno dall’ultima sfortunata partita sull’erba del Queen’s Club, in giugno: “Hitting again” ha twittato ieri accompagnando il video di questi suoi primi colpi dopo l’ennesimo infortunio, la frattura alla rotula destra che ne ha compromesso la stagione.

Kevin Anderson invece saluta i tifosi, sempre tramite twitter, postando una foto dal letto dell’ospedale dove ha subito un intervento chirurgico per alleviare i problemi al ginocchio destro che, insieme a quelli alla spalla destra, gli ha impedito quest’anno di difendere la sua posizione nell’élite del tennis mondiale. La sua stagione è finita.

Del Potro era n. 12 del mondo quando ha affrontato il torneo londinese e battuto al primo turno il talento canadese Denis Shapovalov. Ma il ginocchio fratturato l’anno scorso a Shanghai, quando era n.4 del ranking, aveva fatto di nuovo ‘crack’, in una banale azione di gioco. E il gigante di Tandil (198 centimetri), che a Roma e Parigi aveva dato segni di piena ripresa, aveva dovuto tornare in sala operatoria. E ora riparte, per l’ennesima volta. Davvero un mito, Palito. L’obbiettivo, a quanto pare, è rientrare già in ottobre: il suo team punta alle tappe Atp di Vienna e Stoccolma.

Anche Kevin Anderson ha giocato l’ultimo match sull’erba, quella di Wimbledon. Il sudafricano, altro colosso di 203 centimetri, era n. 8 del mondo quando si è arreso al terzo turno all’argentino Pella. Il suo tennis basato su un servizio devastante, in grado di fermare lo scorso anno Roger Federer nei quarti di finale dei Championships, era fortemente limitato e i medici gli hanno consigliato l’intervento il ginocchio.

A 33 anni chiude una stagione difficile (nella quale ha comunque vinto un torneo, quello indiano di Pune e raggiunto i quarti di finale a Miami) e si prepara per il 2020.

Si consolerà nelle prossime settimane con l’arrivo della sua primogenita, previsto per il mese di ottobre. Kevin insieme alla moglie Kelsey aveva annunciato già in giugno la prossimità del lieto evento, anticipando anche il nome della nascitura: Keira.

Viene spontaneo un grande augurio a tutta la famiglia Anderson: in fondo la sosta ai box di papà Kevin è un’occasione irripetibile per godersi un momento… irripetibile.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi