-
Campioni internazionali

Coco è fuori ma vince ancora... suo l'outfit più originale

A prima vista il completino sfoggiato a New York da Coco Gauff poteva sembrare un insieme di ‘porte’ o di ‘finestre’ invece tutti quei quadratini ripetuti sull’outfit non erano altro che le foto dall’alto di campi da tennis pubblici newyorchesi

03 settembre 2019

Uno stile un po’ retro, delle geometrie particolari. Così è scesa in campo Coco Gauff agli Us Open. Ma se andiamo a vedere nel dettaglio, quelli impressi sul suo abitino da gioco non era triangoli casuali; nemmeno porte o finestre, come poteva sembrare a qualcuno a prima vista. In realtà si tratta dei campi pubblici di New York, fotografati dall’alto e poi uniti a mo’ di collage sull’outfit della più promettente statunitense, quella che alcuni già chiamano ‘l’erede di Serena Williams’.
Il designer del completino-omaggio a New York si chiama Chris Olberding che con la sua Gitman Vintage ha lavorato in sinergia con lo sponsor tecnico di Coco, New Balance.

SCOPRI DI PIÙ SULL’OUTFIT DI COCO GAUFF GUARDANDO LE IMMAGINI

Berrettini a SuperTennis: "Oggi mi sono divertito"

Come vogliamo raccontare questa partita? Da fuori abbiamo visto un Berrettini pazzesco.
Hai usato l’aggettivo giusto. Partita ed emozioni pazzesche. Sentivo che stavo giocando giusto e bene. Ho fatto tutto quello che so fare al mio meglio: slice, rotazioni e servizio. C'era bisogno di una prestazione di questo tipo per battere un giocatore in grande forma come Rublev.

Dopo il match con Popyrin e al termine dell’allenamento della vigilia d sembravi un po' sottotono. Oggi invece sei stato estremamente brillante.
Sì, ero stanco dopo le molte energie lasciate in campo contro l’australiano. Non ho voluto forzare, ho fatto una rifinitura leggera perché sapevo che avrei dovuto affrontare un’ altra battaglia. In questi tipi di match bisogna conservare tutte le forze. Devo dire che è stata una gestione molto positiva da parte di tutto il mio team.

Tornando al match con Rublev abbiamo vissuto un’atmosfera incredibile sugli spalti al Louis Armstrong che era quasi sold out.
Ho sempre cercato di imparare moltissimo da tutte le esperienze vissute a Roma, Wimbledon, sul centrale di Indian Wells e a Miami anche se spesso sono arrivate solo sconfitte .Oggi mi sono divertito.
 

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi