-
Campioni internazionali

Il Canada soffia su Auger-Aliassime

Nel giorno del suo diciannovesimo compleanno il giovane fenomeno nato a Montreal si gioca l’ingresso nei quarti di finale del Masters 1000 di casa contro il russo Karen Khachanov. Eliminato Shapovalov, il tifo è tutto per lui

di | 08 agosto 2019

Non era il regalo che avrebbe desiderato (almeno nei modi) ma va comunque bene così: Felix Auger Aliassime festeggia oggi il suo 19° compleanno dopo essere uscito vincitore dal derby con il connazionale e amico Milos Raonic.

Il gusto della vittoria in una partita attesissima a Montreal (stadio pieno e prime time televisivo) è stato però smorzato dal fatto di vedersela regalata da un problema fisico capitato a quella specie di fratellone gigante, 10 anni più grande.

Subito dopo aver pareggiato il conto dei set (6-3 3-6) Raonic è andato a stringere la mano a Felix e si è ritirato. La schiena malandata non gli permetteva di continuare, nonostante i tentativi del trainer di tenerlo in piedi. “Gli ultimi 30 minuti di gioco, con tutto lo stadio pieno a guardarci e la schiena in quelle condizioni, sono stati la mia peggior mezz’ora sul campo da tennis di sempre” ha dichiarato mestamente Milos.

Massaggi e pomate si sono rivelati inutili per un giocatore dall’enorme potenziale che, dopo essere arrivato vicinissimo alla vetta e a un passo dal giocarsela alla pari con il trio Nole, Roger, Rafa, galleggia intorno alla ventesima posizione. Una vita dorata senza infamia e senza lode per uno come lui che nel 2016 aveva raggiunto la finale di Wimbledon e chiuso l’annata al n.3 del mondo.

Dunque il canadese su cui tutti puntano ora è proprio quello che oggi soffia 19 candeline, il nuovo fenomeno. In momentanea crisi di crescita lo spumeggiante biondo Shapovalov, il ragazzone (un metro e 93) con origini famigliari nel Togo, è la realtà più solida di un Paese che tennisticamente è letteralmente esploso nell’ultimo decennio.

Avrà poco tempo per le fette di torta oggi Auger-Aliassime: deve concentrarsi bene per affrontare nel primo pomeriggio candese (14.30 locali, 20.30 italiane) il tennis altrettanto poderoso di Karen Khachanov, n. 7 del mondo, 5 anni più di lui ma comunque giovane in grande ascesa. Ieri il russo ha vinto una gran bella battaglia contro Stan Wawrinka, sempre più vicino ai suoi standard.

C’è in ballo un posto per i quarti di finale nel Masters 1000 di casa (Felix è nato proprio a Montreal). Tanti auguri Felix: non una ma almeno due volte.

IL TABELLONE DI MONTREAL

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi