-
Campioni internazionali

Donne del tennis uniche "nababbe"

Secondo la classifica pubblicata dalla rivista Forbes le atlete più pagate sono proprio le tenniste che occupano tutte le prime undici posizioni. E davanti a tutte, come sempre, c'è Serena Williams

di | 07 agosto 2019

Bingo! Segnatevi questa data perché resterà storica nel tennis donne: la rivista specializzata Forbes ha eletto ai primi undici posti della classifica delle atlete più pagate altrettante tenniste. Che coincidono solo in parte con le prime undici del ranking mondiale WTA. Undici, un numero che pare uno sberleffo, visto che in dodicesima posizione c’è una calciatrice, Alex Morgan, la avvenente co-capitana della fenomenale nazionale statunitense che ha appena confermato il titolo mondiale.

Eureka: l’inseguimento ai colleghi tennisti maschi si è abbondantemente concluso con la parità di montepremi in tutti gli Slam e segna anche il sorpasso, col bottino-record di 4.75 milioni di dollari per l’eventuale vincitrice, imbattuta in cinque match, alle finali WTA Tour che andranno in scena a Shenzhen (27 ottobre - 3 novembre). Superiore  alla dote prevista per il re delle ATP Finals, che dal 2021 si trasferiranno a Torino.

Nella classifica di Forbes, spicca ancora al primo posto Serena Williams, regina d’immagine e traino di tutto il mercato afroamericano e delle neo-mamme lavoratrici, con 29.2 milioni di dollari, 25 frutto dei proventi extra agonistici e 4.2 dai tornei. Anche se è rimasta a bocca asciutta nel Slam dagli Australian Open 2017 ed è relegata al numero 10 Wta dagli scarsi risultati, minaccia anzi di allungare il passo grazie alle nuove iniziative imprenditoriali fra cui una linea di abbigliamento e una di prodotti di bellezza e di gioielli

La fenomenale 37enne è incalzata dalla nuova star del marketing globale sia asiatico che Usa, la 21enne Naomi Osaka - mamma giapponese, papà haitiano-americano -, già regina di due Slam ed ex numero 1 del mondo, con 24.3 milioni. E una bilancia dei pagamenti fortemente squilibrata: 16 milioni dalle sponsorizzazioni e 8.3 dai premi ufficiali, grazie all’imminente Olimpiade di Tokyo e all’impegnativo scippo della Nike alla Adidas. Curiosamente, il secondo posto nei guadagni coincide con quello nella graduatoria a punti del tennis. Dietro l’australiana Ash Barty.

Terza nei guadagni di Forbes, c’è la tedesca Angelique Kerber, con 11.8 milioni, favorita dal ricco mercato di sponsorizzazioni del suo paese, nel quasi pareggio degli introiti: 5.3 dai premi, 6.5 dall’indotto. Quarta è la romena Simona Halep con 10.2 milioni,  che conferma la classifica Wta, da figlia di una nazione non certamente opulenta, tanto che il suo equilibrio d’incassi è di 6.2 milioni di dollari dai premi e 4 dalle fidelizzazioni.

Il mercato Usa, e in special modo l’ultima campagna Nike, promuove un’altra afroamericana, Sloane Stephens,  quinta con 9.6 milioni (5.5 dagli sponsor), mentre per il tennis s’è stabilizzata al numero 8, in attesa di un nuovo acuto. “Sunshine” Caroline Wozniacki, col sorriso che conquista i fotografi, è sesta, anche se, come risultati agonistici, è scaduta al numero 18, e quindi mantiene un equilibro quasi perfetto fra le fonti di guadagno: 3.5 dai tornei, 4 dagli sponsor. Meglio ancora fa l’algida ed abilissima Maria Sharapova, star indiscussa, da tempo, dello show-business: la russa allevata negli Usa, appena rientrata alle gare dopo l’ennesimo problema alla spalla e soli 18 match giocati negli ultimi dodici mesi, è settima negli introiti-Forbes con 6 milioni, mentre, nella Wta, è scesa addirittura al numero 81 e ha incassato un milione di dollari, “appena”. L’esatto contrario della ceca Karolina Pliskova, 3 al mondo come risultati tennistici, e solo 8 come guadagni, pur con la ragguardevole cifra di 6.3 milioni di dollari (4.6 ai premi agonistici, 1.7 dagli sponsor, che poi è fondamentalmente quello d’abbigliamento Fila). Senza un ricco paese alle spalle, anche la deliziosa Elina Svitolina, n. 7 per la Wta (con 4.6 milioni di premi grazie anche al successo al Masters), è 9 per Forbes (1.5 d’introito), con un totale di 6.1 milioni. Mentre la spagnola Garbine Muguruza, in crisi di risultati, e appena 28 fra le tenniste mondiali, è la numero 10 nei guadagni degli ultimi dodici mesi con 5.9 milioni (2.4 di premi, 3.5 di sponsor) a pari merito con la sempre-verde Venus Williams, con addirittura 5 milioni di riconoscimenti dagli sponsor e un suo canale YouTube di “fitness, tennis, star bene, design e altro ancora”, e 900 mila dollari appena di introiti derivati di successi sportivi.

Lo strapotere economico del tennis non termina qui. Dopo la calciatrice Morgan al numero 12, la star del badminton, l’indiana Pusarla Venkata Sindhu, figura al numero 13 della classifica Forbes, a pari merito con un’altra tennista, la statunitense Madison Keys. A conferma di uno strapotere davvero impressionante.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi