-
Campioni internazionali

Giovani e vincenti: la nuova età dell’oro Wta

E' la stagione WTA con la media delle vincitrici più giovane dal 2008. Una nuova età dell’oro che ha visto otto giocatrici nate dal 1990 in poi conquistare un trofeo Slam. Una condizione ben diversa rispetto a quella maschile dominata dai Fab Four dove spicca lo zero nella casella dei re degli Slam giovani

di | 06 agosto 2019

Dal 2008, questa è la stagione Wta con la media delle vincitrici più giovane nel massimo circuito del tennis donne.  Con 23.8 anni, contro il 23.2 del 2008,  e il 25.6 dell’edizione 2018, ed i trend negativo, andando a ritroso nel tempo: 24.9 anni nel 2017, 26.0 nel 2016, 216.1 nel 2015, 25.6 nel 2014, 25.8 nel 2013. Parliamo di nuova età dell’oro, torniamo indietro al 1990, quando la media delle vincitrici Wta era di 20.9 anni, perché dominavano la scena la 21enne Steffi Graf e la 17enne Monica Seles, che finivano la stagione al numero 1 e 2 del mondo.  La media non era risalita sopra i 23.5 anni per quasi due decadi. Ora invece, per arrivare all’acme, cioè ai  tornei del Grande Slam, otto giocatrici  nate dal 1990 si sono aggiudicate un Major. Una condizione ben diversa rispetto a quella maschile dominata dai Fab Four e dal tennis di esperienza, dove spicca lo zero nella casella dei re degli Slam giovani.
Pur senza possedere un volano come NextGen, la speciale classifica per under 21 che promuove alle Finals di fine stagione i migliori otto a Milano, con premi e regole ed attenzioni ad hoc - sulla falsariga delle Atp Finals dei seniores - , l’età delle protagoniste del tennis si è notevolmente abbassata. Se infatti a 37 anni Serena Williams cerca disperatamente di firmare lo Slam numero 24 per eguagliare il record di Margaret Smith Court, le campionesse degli ultimi Majors sono giovani, come la 23enne australiana Ashleigh Barty al Roland Garros che ha scalzato anche dal numero 1 della classifica la 21enne statunitense Naomi Osaka. La quale, a sua volta, aveva firmato Us Open 2018 ed Australian Open di gennaio 2019. Di più: a parte Serena, che ha siglato l’ultimo Slam agli Australian Open 2017, solo una regina Major aveva 30 anni, Angelique Kerber a Wimbledon 2018; ultimamente, le ultime altre campionesse dei maggiori tornei sono state Osaka, che aveva 20 anni quand'ha trionfato a settembre a New York e 21 quand’ha vinto a gennaio Melbourne, ne aveva 20, Jelena Ostapenko, quando si è aggiudicata il Roland Garros 2017, così come ne aveva 23 Garbine Muguruza che conquistava Wimbledon 2017, e ne aveva 24 Sloane Stephens che siglava gli Us Open 2017. Nè si possono definire vecchie Simona Halep, campionessa del Roland Garros 2018 a 26 anni ( e di Wimbledon 2019 a 27) e anche Caroline Wozniacki che, a 27, ha ascritto il suo nome nell'albo d’oro degli Australian Open 2018. Del resto, oggi, le “top ten” sono tutte under 28, ad eccezione della numero 6, la 29enne Petra Kvitova, e della 10, Serena Williams (classe ’81), che alzano la media. E, in attesa che la 18enne canadese Bianca Andreescu recuperi dall’infortunio alla spalla, subito all’indomani del primo titolo Wta a Indian Wells, che la 17enne Usa di ceppo russo, Amanda Anisimova (campionessa-record ad aprile a Bogotà), la sua coetanea polacca Iga Swiatek e la 15enne yankee Coco Gauff si facciano le ossa, insieme all’altra emergente teen-ager a stelle e strisce, la 18enne Caty McNally, il tennis donne sorride ancor più beato guardando al futuro.

Il presente, oltre a Osaka e compagne, sfodera altri personaggi giovani e frizzanti come la 21enne bielorussa Aryna Sabalenka (già vincitrice di tre titoli Wta, ), la 20enne americanina Sofia Kenin (campionessa a Hobart e Maiorca), la 19enne ucraina Dayana Yastremska (regina a fine gennaio a Hua Hin, in Thailandia), la 20enne ceca Marketa Vondrousova (finalist a Budapest, Istanbul e Roland Garros). E si inseriscono fra le campionesse Wta 2019 anche la 22enne svizzera Belinda Bencic, a Dubai, la 23enne belga Elise Mertens a Doha, la 24enne Usa Madison Keys a Charleston, la 25enne Garbine Muguruza, a Monterrey, la 22enne svizzera Jil Teichman, a Praga e Palermo, la 23enne kazaka Yulia Putintseva, a Norimberga, la 20enne kazaka Elena Rybakina a Bucarest, la 22enne francese Fiona Ferro a  Losanna.

La 24enne ucraina Elena Svitolina, pur distratta dalla love story col frizzante collega Gael Monfils, la coetanea greca bum-bum Maria Sakkari, amica del cuore di Stefanos Tsitsipas, impegnata in un delicato processo di maturazion come l’avvenente Donna Vekic, che si sta costruendo un nome uscendo dall’ombra del famoso fidanzato Stan Wawrinka, la francese Caroline Garcia, oppressa dal solito padre-padrone, restano competitive a livello più alto e sono fortemente candidate a inserirsi ogni settimane alla lista delle regine 2019. In questo tennis donne sempre più vario e giovane.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi