-
Campioni Next Gen

Sinner alla ripartenza trova il semaforo verde

Il diciottenne di Sesto Pusteria ha vinto la prima partita dopo il lockdown alla ricca esibizione sull’erba di Berlino contro il tedesco Tommy Haas. Sfiderà Dominic Thiem

di | 17 luglio 2020

Berlino ha fatto le cose in grande e ha voluto la stella emergente del circuito, Jannik Sinner. E l’ha subito piazzato sullo storico campo centrale intitolato a Steffi Graf perché mostrasse chi era contro una vecchia (ma non troppo) gloria del tennis tedesco come Tommy Haas, già n.2 del mondo, ufficialmente ritiratosi nel luglio 2017 ma capace pochi mesi prima di battere Federer sull’erba di Stoccarda.

Jannik non si è fatto pregare e ha portato a casa un match rilassato ma impegnativo e punteggiato da perle di tecnica con un 6-4 3-6 10-8 che lascia intendere come Haas non fosse lì per fare solo passerella.

Ora gli si offrirà la possibilità di testare la sua condizione contro Dominic Thiem, n.3 del mondo. E come modo di ricominciare dopo il lockdown non è niente male per l’allievo di Riccardo Piatti.

Dopo il fiasco dell'Adria Tour, nella capitale tedesca è stato allestito con grande attenzione questo torneo-esibizione "Bett1ACES", in programma da oggi, 13 luglio, al 19. Nel programma, due tornei: uno su erba dal 13 al 15 luglio (nello storico Lawn Tennis Turnier Club Rot-Weiss, fondato nel 1897, con il campo centrale intitolato ora a Steffi Graf), l’altro sul duro dal 17 al 19 luglio. Impegnati, sei giocatori e sei giocatrici, partite al meglio dei tre set e un montepremi complessivo di 200mila euro.

L’idea, originale, aveva attirato alcune delle migliori racchette dei circuiti ATP e WTA. In campo maschile erano attesissimi oltre al numero 3 al mondo Dominic Thiem, il numero 7 Alexander Zverev ma anche Nick Kyrgios: le critiche dell’australiano al tedesco, in tema di comportamenti di fronte alla difficile situazione sanitaria promettevano scintille sul campo e fuori.

Poi però proprio Zverev e Kyrgios hanno dato forfait. E gli organizzatori hanno fatto sapere che “No players party”, non sarebbero state organizzate feste in discoteca per i giocatori. Richiamando e smorzando insieme la polemica. Risultato: non ci sono né Zverev né Kyrgios, rimpiazzati dall’ex n.2 del mondo Tommy Haas e dal nostro Matteo Berrettini.

Tra le donne spiccano Elina Svitolina (n. 5), Kiki Bertens (n. 7), prime due teste di serie già promosse insemifinale, e Petra Kvitova (n. 12), accompagnate da Julia Georges, Anastasja Sevastova e Andrea Petkovic.

Organizzato in due sedi diverse, il "Bett1ACES" viene giocato con il pubblico sugli spalti: lo stadio del torneo su erba è in grado di ospitare 800 persone nel rigoroso rispetto delle condizioni di sicurezza sanitaria, mentre la sede del torneo sul duro avrà una capacità massima di 200 spettatori. I raccattapalle hanno mascherina e guanti.

Il tabellone, come dicevamo, da sei giocatori vede Thiem e Berrettini, prime due teste di serie, già semifinalisti. Per l’austriaco, n. 3 del mondo ci sarà il vincente tra Sinner e Haas.

Berrettini dovrà invece respingere l’attacco dello spagnolo Roberto Bautista Agut, n.12 del mondo, che ha superato (6-3 3-6 10-7) il tedesco Jan-Lennard Struff, n.34 del mondo. Lo ha già battuto a Kitzbuhel, però là si giocava sulla terra battuta.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi