-
Archivio News

COSA SUCCEDE SE… PERDO IL SEGNO? RISPONDE L'ESPERTO

La domanda - Che cosa succede se una palla è dubbia e i giocatori non sanno qual è il segno

di | 16 aprile 2017

La domanda - Che cosa succede se una palla è dubbia e i giocatori non sanno qual è il segno?

La risposta - Per rispondere in modo esaustivo alla domanda poniamo un caso specifico. Due giocatori stanno giocando una partita di singolare senza l'arbitro. Durante uno scambio, un dritto del giocatore A rimbalza molto vicino alla linea di base e il giocatore B chiama la palla fuori.
Il giocatore A chiede di verificare il segno, ma B non riesce più a trovarlo. A quel punto A, attraversando la rete, cerca anche lui il segno a suo avviso buono, ma anche lui non è in grado di trovarlo.
Può capitare che spesso e volentieri una palla che è rimbalzata in campo possa non lasciare delle tracce evidenti: questo può succedere per differenti ragioni. Per esempio, a causa del vento può esser rimasta poca terra all'interno del campo di gioco, oppure dopo una copiosa pioggia, il campo in terra rossa e così "duro" e umido da non consentire di distinguere chiaramente un segno lasciato da una palla. Oppure la palla può essere stata colpita così piano (palla corta o pallonetto) da lasciare impercettibili tracce: in ultimo, succede molto spesso che la palla colpisca solamente la riga diventando impossibile distinguere la forma del segno lasciato.
In questi casi, quando non è possibile individuare con certezza un segno lasciato da una pallina, dovrà necessariamente “restare la chiamata originaria”: nel nostro caso pur non trovando il segno, la palla verrà considerata fuori, perché quella è stata la chiamata “originaria”.
Vale dunque il principio che fa fede la chiamata del giocatore che sta nel lato di campo nel quale la palla rimbalza. Il giocatore è sempre responsabile delle chiamate effettuate dal proprio lato.
Infine, come nota a margine, non è possibile paragonare le procedure della terra rossa a quelle tenute su campo in veloce adducendo disparità di trattamento, perché in realtà tra le due superfici c'è sempre un trattamento diverso. Il solo fatto di poter verificare un segno e cambiare la propria decisione paragonato al fatto di non avere questa possibilità rappresenta già in sé “un trattamento” diverso nel gestire lo stesso caso.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi