Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il francesino non è il classico “fisicato” ma ha grande tocco. Mancino, è in grado di variare ritmo alla grande e di piazzare smorzate millimetriche. Appena entrato nei Top 500 Atp (best ranking), come tutti i talenti, ha pure un bel caratterino...

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

moutet 1Talento puro e carattere fumantino, giocatore di tennis nella vita e pianista per diletto, Corentin Moutet è il nome nuovo del movimento francese. 17 anni, mancino, il nativo di Neuilly-sur-Seine sta impressionando in questo inizio di 2017 sia a livello junior che nel circuito Challenger, nel quale ha raggiunto uno splendido quarto di finale a Cherbourg. Fisico esile, 175 centimetri di altezza, Moutet basa il proprio tennis sul tocco e sull’imprevedibilità cercando, per quanto possibile, di mettere a posto la testa.

Pronto a diventare grande
Nato e cresciuto a due passi da Parigi, il 19 aprile 1999, Corentin Moutet è considerato da anni il predestinato del tennis transalpino. Campione nazionale under 12, 14, 16 e 18, il parigino è però una testa calda difficilissima da gestire. Ci hanno provato in tanti, ma per ora tutti i coach sono durati meno degli allenatori del Palermo di Maurizio Zamparini. Da Nicolas Coutelot al rapporto lavorativo mai nato con Nicolas Escudè sino a Ronan Lafaix e Thierry Tulasne, che dopo una lite furibonda ha recentemente abbandonato in Australia il giovane Corentin.

moutet 2“È stato strano quest’anno giocare e vincere a Traralgon senza maestro e senza pubblico - ha raccontato Moutet - quello che è stato il mio primo titolo under 18 di alto livello. A farmi i complimenti a fine match c’erano solamente i miei genitori”. Dopo la lite con Tulasne, rientrato in Francia inviperito per i comportanti del suo allievo, Moutet ha raggiunto un'ottima semifinale agli Australian Open junior, sconfitto dal futuro vincitore, l'ungherese Zsombor Piros.

“Ho qualche dubbio...”
“Non mi sono allenato benissimo negli ultimi anni e adesso lo sto pagando - ha spiegato a fine match il francesino -. Per 'sfondare' fra i professionisti devi essere al top mentalmente, ma è ciò che io voglio davvero? Ogni tanto ho qualche dubbio”. Moutet ha un carattere complicato ma talento e sensibilità, tennistica e non, sono fuori dal comune. “Vedo i miei coetanei studenti e li considero delle capre - ha spiegato - perché pur di farsi accettare in un gruppo farebbero di tutto, come iniziare a fumare. Hanno personalità pari a zero e la cosa mi riempie di tristezza”. Insomma, dal punto di vista tennistico il paragone non rende, ma a livello umano sembra di essere di fronte a un nuovo Benoit Paire.

moutet 3Da Santa Margherita di Pula a Cherbourg
Nell’aprile del 2015, al settimo torneo da professionista, Corentin Moutet ha raggiunto la sua prima finale nel circuito Futures sulla terra battuta di Santa Margherita di Pula, dove è stato sconfitto per 0-6 6-4 6-4 da Gianluca Naso. “Ricordo benissimo quel match - racconta il siciliano, ex n.175 Atp - perché Moutet mi aveva impressionato per il suo talento. Ogni sette-otto colpi tirava fuori una smorzata, sempre eseguita molto bene tecnicamente e tatticamente. Il suo servizio mancino a uscire, seppur non potente, era davvero incisivo, mentre da fondo campo sapeva esprimersi al meglio con il rovescio bimane. Atteggiamento? Un ragazzo arrogante e fastidioso, ma di grande personalità”. I primi due titoi Futures sono giunti più di un anno dopo, quando il francese si è imposto su terra battuta in Ucraina e in Croazia. Le prime settimane del 2017 hanno messo in mostra un Moutet a proprio agio anche nel circuito challenger: secondo turno a Noumea e, soprattutto, il quarto di finale sul veloce indoor di Cherbourg partendo dalle qualificazioni. Al secondo turno del tabellone cadetto è giunta la vittoria su Andrea Arnaboldi, che di lui dice: “Credo che Moutet possa diventare davvero forte. Ha parecchia facilità di gioco in tutti i colpi e tante soluzioni supportate da un’ottima lettura tattica”. La strada di Corentin Moutet è tracciata ma con quel fisico esile e quel carattere riuscirà a imporsi nel circuito Atp?.

La scheda di Corentin Moutet
Nato a Neully-sur-Seine, il 19 aprile 1999
Altezza: 175 cm, peso: 65 kg
Ranking Atp: 441 (best ranking)
Ranking Unde 18: 12
Titoli Futures: 2