Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

foto espertoLa domanda - Perché schemi di incordatura a maglia più larga (14x19 o 16x16 rispetto a 16x19) danno più rotazione in top?

Risponde Gabriele Medri
L’ingegner Gabriele Medri è consulente tecnico dell’Istituto Superiore di Formazione della Fit in materia di attrezzatura. Ha pubblicato vari studi su racchette e corde

La risposta
Nel corso degli ultimi anni sono comparsi sulla scena numerosi telai caratterizzati da pattern d’incordatura molto aperti e da un numero di corde “anomalo” rispetto al passato, che prevedono la diminuzione del numero di corde verticali (14x16 14x18 14x19) ma ancora più frequentemente del numero di corde orizzontali (16x16 18x17 18x16).

foto esperto BISIl motivo della comparsa di questo tipo di telai non è una stravaganza dei progettisti ma è collegato alla ricerca continua di spinta, facilità di gioco, massimizzazione degli effetti.
Test e sperimentazioni di laboratorio effettuate con elaboratori elettronici e telecamere ad alto numero di fotogrammi-secondo, oltre che test in campo, hanno consentito di dimostrarlo. Mediante l’utilizzo di corde in poliestere con “coating” (rivestimento) al teflon o siliconico, massimizzando lo spostamento laterale delle corde in fase di affondamento della palla e il ritorno violento in posizione (effetto snap-back), è possibile incrementare la presa di rotazioni sino al 15-20%.
Le corde verticali, non frenate e limitate nella propria corsa laterale dalle corde orizzontali scorrono, lasciano entrare la palla per poi rispedirla con effetto repulsivo con spin incrementato grazie all’azione dinamica delle corde, che per poter lavorare in questo modo devono potere scorrere le une sulle altre.
La racchetta e soprattutto le corde mettono dunque a disposizione una rotazione “omaggio” ma con una contropartita legata alla minore precisione in fase di spinta e all’innalzamento della parabola in fase di esecuzione del colpo. Allo stesso modo, la maggior morbidezza del piatto corde assicura una minore sensibilità per i colpi in back-spin e come logico attendersi, una minore durata delle corde che vengono messe a dura prova dagli impatti con la palla.
La scelta di racchette a pattern aperto possono essere destinate a tutti coloro che hanno bisogno di un aiuto in termini di spinta ma anche a tutti coloro che amano buttarsi in infiniti scambi da fondo basati su profondità, rotazione e regolarità.