Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Parte il conto alla rovescia storico sui vincitori delle ultime edizioni degli IBI. Un galleria di campioni che dalla mitica finale tra Nadal e Federer del 2006 arriverà fino allo scontro tra Djokovic e Murray del 2016. Insieme a Serena Williams e Sharapova

di Alessandro Mastroluca - Foto A. Costantini

2006 Rafael Nadal2006
Vincitore: Rafael Nadal (SPA)
Manacor, 3 giugno 1986

Nel 2006 Rafa Nadal si presenta al Foro Italico da campione in carica e re della terra battuta. Ha saltato l'Australian Open per un infortunio al piede, ha inflitto a Federer la prima sconfitta stagionale a Dubai e trionfato sul rosso a Montecarlo e Barcellona. Agli Internazionali BNL d'Italia cede solo un set fino alla finale, al primo turno contro l'amico Carlos Moya. È la seconda volta nella storia del torneo che all'esordio si affrontino i vincitori delle due precedenti edizioni: era già successo nel 1978 quando Adriano Panatta, campione nel 1976, esordì contro Vitas Gerulaitis, che si era imposto nel ‘77. Nadal batte poi Volandri, Henman, Fernando Gonzalez e Monfils cedendo appena 18 game. La finale è consegnata ormai alla leggenda. Nadal salva due match point al quinto set, batte Federer per la quinta volta in sei confronti diretti e dopo cinque ore e sei minuti diventa il quarto nella storia dopo Drobny, Courier e Muster a conquistare il titolo al Foro Italico per due anni di fila. Con questo trionfo eguaglia due primati in un colpo solo: i 16 tornei vinti prima dei vent'anni da Bjorn Borg e le 53 vittorie consecutive sulla terra rossa di Guillermo Vilas.

2006 Martina hinginsVincitrice: Martina Hingis (SVI)
Kosice, 30 settembre 1980
La seconda carriera di Martina Hingis riparte da Roma. A dieci anni dalla sua prima finale al Foro Italico, a otto dal suo trionfo del 1998, la svizzera riprende il discorso lasciato sospeso al momento dell'annuncio del ritiro, nel febbbraio 2003. Al Foro Italico, in quell'edizione, Hingis è diventata la bestia nera delle italiane. Ha battuto Sara Errani al primo turno, Francesca Schiavone al terzo e Flavia Pennetta nei quarti, senza perdere un set. Non è più la padrona rimasta al numero uno della classifica per 209 settimane non consecutive tra il 1997 e il 2000. Ma riesce a rimontare il 6-0 subito nel primo set della semifinale contro Venus Williams che sognava la rivincita dopo la finale persa otto anni prima. La finale contro Dinara Safina prende vita solo nella parte finale. Hingis vola sul 6-2 4-1 con palla break per il 5-1, subisce il ritorno della russa fino al 5-5, salva tre palle break nell'ultimo game e chiude 6-2 7-5. Due gli altri momenti chiave che scandiscono la sua rinascita nel 2006: i quarti di finale all'Australian Open e la vittoria su Maria Sharapova, a Tokyo, dove quattro anni prima aveva conquistato il suo quarantesimo titolo, l'ultimo della prima parte della sua carriera. Martina completerà la stagione da numero 7 del mondo, con un secondo titolo a Calcutta e la qualificazione ai WTA Championships.

2007 Rafael Nadal2007
Vincitore: Rafael Nadal (SPA)
Manacor, 3 giugno 1986

Rafa Nadal completa un tris da record al Foro Italico. A Roma, il maiorchino si presenta dopo aver conquistato il titolo a Montecarlo e Barcellona. Ha riscattato sulla sua superficie un avvio di stagione sul duro segnato dall'uscita nei quarti all'Australian Open e da un solo titolo, a Indian Wells, in finale su Djokovic. Ritrova proprio il serbo nei quarti agli Internazionali BNL d'Italia, dopo le vittorie su Daniele Bracciali e Mikhail Youzhny. Mostra un tennis migliorato, più ordinato, vince 6-2 6-3 e raggiunge le 75 vittorie consecutive sulla terra battuta. Eguaglia, e poi batterà, il primato di successi su una sola superficie al maschile di John McEnroe e lancia l'inseguimento al record assoluto, le 125 di Chris Evert, una serie interrotta proprio a Roma il 12 maggio 1979. Il match del torneo rimane la semifinale contro Nikolaj Davydenko: 3 ore e 38 minuti di battaglia epica. Nadal vince il primo set al tiebreak dopo aver salvato un set point, cede il secondo sempre 7-6, con il russo che rimonta da 5-3 e chiude 10-8 alla settima occasione, e completa 6-4 al terzo grazie al guizzo decisivo sul 4 pari. La finale contro Fernando Gonzalez è una formalità. Nella prima finale del torneo al meglio dei tre set della stria del torneo, il maiorchino diventa il primo a vincere al Foro Italico per tre volte di fila. Conquisterà presto per la terza volta di fila “lo Slam sul rosso” ovvero i titoli a Montecarlo, Roma e al Roland Garros, come riuscito nella storia solo a Ilie Nastase nel 1973 e Thomas Muster nel 1996.

2007 Jelena JankovicVincitrice: Jelena Jankovic (SRB)
Belgrado, 28 febbraio 1985
Jelena Jankovic è una campionessa fragile. Ha vinto 13 titoli WTA e perso 21 finali, anche per i troppi dubbi che l'hanno frenata nei momenti importanti. Nel 2008, il suo anno migliore, ha raggiunto la sua unica finale Slam, agli US Open, e toccato per la prima volta il numero 1 del ranking, mantenuto per 18 settimane. Terzogenita di due economisti, cresciuto nell'accademia di Nick Bollettieri, ha ottenuto il suo primo titolo a Dubai nel 2004. A Roma, nel 2007, si presenta forte del titolo a Auckland (su Vera Zvonareva dopo aver salvato due set point nel primo parziale) e soprattutto a Charleston, il suo primo in carriera in un torneo Tier I, dopo la rivincita su Mara Santangelo che l'aveva battuta a Miami, una splendida semifinale vinta su Venus Williams e il doppio 6-2 a Dinara Safina in finale. Al Foro Italico, la serba veleggia fino al titolo senza perdere un set battendo Alona Bondarenko, Elena Dementeva, la svizzera Patty Schnyder in semifinale (concedendole solo 4 game) e la russa Svetlana Kuznetsova in una finale equilibrata nel primo parziale. In quel 2007 vincerà anche a Birmingham, perderà all'atto conclusivo a Toronto e Pechino e chiuderà la stagione con la sua prima qualificazione ai WTA Championships. A Madrid, però, raccoglierà solo tre sconfitte nel round robin.