Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Non ci riuscirà più solo Novak Djokovic. Dato che per coprire al meglio il campo e muoversi con efficacia anche sui terreni veloci bisogna saper scivolare Wilson ha messo a punto una calzatura specifica

di Mauro Simoncini

racchette 32 w1Fino qualche tempo fa era davvero l'unico in grado di farlo. Nole Djokovic, anche grazie alle sue doti uniche di flessibilità ed elasticità, riesce talvolta a colpire la palla in completa spaccata, dopo essere scivolato con la gamba esterna. E attenzione non stiamo parlando di terra battuta, dove la scivolata è all'ordine del giorno, anzi è proprio indicata come sistema più efficace di spostamento in laterale o in avanti.

Il numero al mondo sorprende con questo tipo di posa da ginnasta sui terreni 'hard', quelli dell'estate americana che gli ha portato il terzo successo Slam del 2015 sconfiggendo in finale un Roger Federer che quest'anno più che mai sembrava più 'vicino' proprio in termini di preparazione fisica.

racchette 32 w2Osservando questa evoluzione del gioco sono state concepite le nuove Wilson Glide, calzature pensate proprio per scivolare sul cemento e sulle altre superfici hard. Quattro anni di studi con i migliori ingegneri delle calzature sportive hanno finalmente portato a un prodotto che si annuncia rivoluzionario per il mondo del tennis.

Scivolare sul duro con il sistema Glide Plate Technology, prima di arrestarsi e colpire, consente di coprire le distanze con meno passi e recuperare più velocemente (30%) per la palla successiva, sostengono gli studi americani. Viene assecondata la velocità e la rapidità del piede che però viene contemporaneamente tutelato e sostenuto in quanto a stabilità e trazione.

racchette 32 w4La nuova Wilson Glide utilizza una gomma speciale Duralast che punta ovviamente sulla resistenza all'usura ma anche sulla trazione; c'è una linguetta aerodinamica molto avvolgente e confortevole e ci sono i rinforzi tra intersuola e tomaia (in punta e in zona anteriore laterali) per aumentare proprio la durata e la resistenza e migliorare la sicurezza delle scivolate in avanti o laterali.

Ma il vero 'clou' tecnologico è il Glide Plate, ovvero un inserto doppio nell'intersuola ben visibile dal battistrada in zona mediana. E' quello che aggiunge da un lato sicurezza al piede per lasciarsi andare allo 'slide' e restare ben piantato per il colpo; dall'altro migliora la reattività nella risposta del piede stesso in ripartenza.

racchette 32 w3Ma muoversi scivolando sul duro non è proprio cosa facile, e per tutti. E difatti Wilson stessa promuove un video su Youtube, direttamente dalla Austin Tennis Academy, dove passo dove passo si seguono gli step di insegnamento nella tecnica dello “slide”. Perché in effetti si tratta proprio di un modo nuovo di muoversi sugli “hard court”, diverso dalla scivolata sulla terra battuta. Dal semplice passo a mo’ di pattinata sul ghiaccio fino agli spostamenti veri e propri in laterale con colpo annesso. Con Wilson Glide a quanto pare (anche alla luce di una manciata di minuti di prova pratica sul campo) si può.