Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il video-test delle due versioni (Speed Pro e Speed MP) a confronto mentre i due grandi testimonial la portano in campo nelle tappe americane del circuito Atp. La Pro è più pesante e ha il reticolo più fitto; la MP è più leggera ma spinge di più, grazie al diverso pattern e bilanciamento

di Enzo Anderloni

racchette 7 ago 18 w1Ecco la nuova Speed, con la livrea nera e bianca, versione definitiva del attrezzo che Head ha sviluppato in nome di Novak Djokovic e Alexander Zverev. Ha rinnovato i loro contratti alla vigilia del Roland Garros, legandoli a questo attrezzo che è stato rieditato con un nuovo stampo e modifiche sostanziali.

Il tedesco la impugnava già la scorsa settimana a Washington (ha esordito nello scontro fratricida del secondo turno tra Sasha e Misha, entrambi sfoggiavano la novità). Si è trovato subito bene: ha vinto il torneo.

racchette 7 ago 18 w2Nole esordisce con l’attrezzo nuovo, bianco nero (lui, per la cronaca, è milanista…) a Toronto, al rientro in campo dopo il trionfo di Wimbledon che l’ha rilanciato nella Top 10.

Abbiamo raccontato le due versioni della nuova Speed lo scorso 20 luglio, con un apio servizio su questo sito. Approfittiamo della loro prima apparizione sul circuito per proporvi le nostre sensazioni sul campo (guarda il video)

 

Nuove Speed: ecco che cosa è cambiato

In cosa consistono le principale differenza tra la vecchio Speed e questa nuova 2018/2019? Per prima cosa un utilizzo diverso e maggiore del Graphene, materiale iper robusto e iper leggero, collocato in cinque punti del telaio: a 360 gradi, come dicono i progettisti austriaci.

racchette 7 ago 18 w3Poi un millimetro in più di spessore (da 22 a 23 mm) e una diversa foratura per le corde che, senza modificarne il numero, riduce gli spazi tra le verticali e aumenta quelli tra le orizzontali per produrre più spinta e spin.

Dunque due grandi ambasciatori, Nole e Sasha, per una sola racchetta, nella quale Head evidentemente crede molto. L’ha studiata per il genere di tennista più diffuso oggi, quello che aggredisce picchiando forte da fondo campo e cerca il miglior compromesso tra potenza e controllo. Potrà scegliere tra due versioni, Pro ed MP. La prima è più pesante, 310 grammi, e ha uno schema corde più fitto, 18x20. La seconda si ferma a 300 grammi con un pattern 16x19.