Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Gli storici quarti di finale raggiunti a Wimbledon confermano le grandi potenzialità della ragazza di Macerata. Il confronto sul Centre Court con Serena Williams non ha però fatto breccia nella sua corazza emotiva. Il definitivo salto di qualità potrebbe riguardare proprio quella sfera

di Enzo Anderloni – Foto Getty Images

afildirete 2718 w1Faceva un certo effetto seguire la sfida tra Serena Williams e Camila Giorgi dopo aver visto la prima puntata di Being Serena. C’erano ancora negli occhi le immagini dell’ultimo Australian Open conquistato nel 2017, a inizio gravidanza, dell’enorme pancione dell’americana, dell’ansia e della paura nei momenti appena precedenti un parto complicato. Sarebbe riuscita a tornare competitiva?

La sfida a mazzate da fondocampo contro la nostra più esile ed elegante picchiatrice pareva quasi la prima puntata della seconda stagione. Quella in cui verificare il grande dubbio che la più forte giocatrice di ogni tempo si portava dietro.

Potenza contro rapidità e anticipo, sfrontatezza contro ermetismo, ennemila vittorie contro una sola. In comune solo due padri ingombranti ma determinanti nella convinzione di crescere figlie tenniste. La nuova Giorgi, più sicura, più indipendente, con il suo delizioso gonnellino di pizzo bianco, ha giocato alla pari il quarto di finale che l’ha collocata nella storia del tennis italiano insieme alle uniche altre quattro giocatrici capaci di entrare nel ‘Last Eight Club’ di Wimbledon: Lucia Valerio (1933), Laura Golarsa (1989), Silvia Farina (1993) e Francesca Schiavone (2009). Per lei (come per loro) ci sarà per sempre un posto riservato nell’Ospitalità dei Championships. Alla fine le statistiche diranno che la differenza l’ha fatta il servizio dell’americana, mostruoso nel terzo set in cui a furia di tirare botte e controbotte sembrava essere entrata davvero ‘in palla’.

afildirete 2718 w2Dietro quella potenza e quella sapienza di angoli e rotazioni c’era però una carica umana che, espressa in urla di auto-incoraggiamento che parevano ruggiti, ha davvero creato il divario. Anche se numericamente minimo: un solo break.

Tra i tanti margini di miglioramento che la bravissima e carinissima Camila dimostra di avere, quello più grande è forse proprio questo. Fare uscire la Giorgi che c’è in lei. Renderla pubblica. Far capire chi è davvero dietro quella scorza di impenetrabile compostezza che la fa rispondere alle domande dei cronisti con frasi che sembrano preconfezionate. Per arrivare a giocare il suo tennis ci vuole un gran carattere, bisogna aver lavorato durissimo sul campo per anni e anni. Aver versato lacrime di fatica, visibili o magari ricacciate in gola.

Adesso che la realtà ci ha dimostrato che il sogno più volte evocato di vincere Wimbledon non era affatto campato per aria, ci aspettiamo dalla nuova Giorgi una svolta. Serena Williams insegna che per raggiungere certi traguardi bisogna avere il coraggio di mettersi a nudo, di far uscire forza e debolezze, di far vedere che c’è differenza tra vincere e perdere e che ci si assume il rischio di esultare. O di piangere.

afildirete 2718 w3Il prossimo step di Camila potrebbe essere proprio questo. Mostrare il cuore. E farci innamorare di lei. Non giocare tutti i punti come fossero uguali. Anche perché non lo sono.

 

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 27 - 2018  

Per scaricare il numero completo della nuova rivista settimanale potete CLICCARE QUI Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf. 

 

SuperTennis Magazine – Anno XIV – n.27– 11 luglio 2018

 

afildirete 2718 w4In questo numero

Prima pagina –Innamorarsi di Camila Pag.3

Wimbledon: Un nuovo inizio: ora Camila può volare Pag.4

Wimbledon: Fabbiano cresce ancora Pag.7

Terza pagina: Wimbledon Museum: un’oasi di memoria Pag.11

Focus Next Gen –Questo Tsitsipas è già re dei social Pag.13

I numeri della settimana –Flop Ten: 0 su 10 avanti Pag.15

Il tennis in tv – Il mondo di Serena sempre in primo piano Pag.17

In Italia – Prevendita IBI 19, il tuo biglietto per Roma Pag.21

Giovani – Musetti & Cocciaretto, azzurrini di punta Pag.23

Circuito Fit-Tpra – Bardonecchia, lo stage ad alta quota Pag. 25

Racchette & dintorni: Yonex VCore95, aerodinamica a tutto spin Pag.27

L’esperto risponde – Quali sono i carboidrati giusti per il tennista? Pag.29