Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Da lunedì 9 in esclusiva e in chiaro su SuperTennis Tv la mini-serie in 5 puntate prodotta da HBO su Serena Williams. Ecco perché si tratta di un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati....

di Piero Valesio - direttore di SuperTennis

Prima pagina 2618 1Perché guardare “Being Serena” su SuperTennis? Perché la miniserie è bellissima, innanzitutto. Perché la qualità delle immagini, il montaggio e la capacità di suscitare emozioni nel telespettatore sono di alto livello, come raramente è stato dato di vedere sullo scivolosissimo terreno del racconto sportivo. Anche se, in questo caso, siamo di fronte a un autoracconto; il che, a ben vedere, è un’ulteriore novità che non può che incuriosire chiunque ami lo sport in generale e in particolare il tennis.

Ma c’è un altro motivo per cui non ci si può lasciare sfuggire (in esclusiva italiana) le cinque puntate lungo le quali si articola l’autoracconto di Serena: non si tratta del tentativo (che sarebbe stato assai scontato, per la verità) di creare un’altra eroina da copertina o di una sorta di Beyoncè-bis, della quale peraltro Serena è ottima amica. Ma l’obiettivo è l’opposto: offrire la protagonista all’occhio dell’appassionato di tennis e di buona televisione con una sincerità degna di miglior causa.

Non per nulla il titolo della prima puntata è “Paura”, uno degli stati d’animo banditi con maggior forza da un mondo in cui il superominismo (maschile o femminile poco importa) domina incontrastato. Serena che sta per diventare mamma, che si innamora di un bianco anche fisicamente agli antipodi rispetto a lei e che ha paura di soffrire per il dolore del parto è un simbolo di normalità che ne fa casomai una antieroina. Serena che parla a bassa voce, che ha lo sguardo di chi ha pochissime certezze è un personaggio di cui la narrazione tennistica si è occupata pochissime volte, mai in televisione.

Guardare Being Serena è un obbligo per chi ama il tennis. Ed è l’occasione per scoprire che Serena, voi tennisti praticanti e non, voi appassionati di simboli planetari e noi di SuperTennis, viviamo in campo e fuori le stesse ansie e le stesse gioie. Con “Being Serena” SuperTennis è davvero, una volta di più, la casa del grande tennis, di tutti coloro che amano questo sport meraviglioso e che non hanno paura di dire che qualche volta hanno avuto o hanno paura.

9 LUGLIO: SAVE THE DATE - La prima puntata di ‘Being Serena’ andrà in onda in chiaro su SuperTennis lunedì 9 luglio alle 21.30. Le altre quattro puntate verranno trasmesse in quattro serate consecutive, da giovedì 12 a domenica 15, sempre alle 21.30. Sempre su SuperTennis.