Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

scansione0011La domanda - Com’erano fatte le prime, vere palle da tennis?

Risponde Franco Alciati, presidente Associazione Collezionisti Tennis

La risposta
Dopo aver scritto lo scorso anno il bel libro sulla storia delle racchette Thonet lo storico e collezionista tedesco Dott. Heiner Kerling ha recentemente pubblicato un nuovo ed interessante testo. Il libro verte sulla storia delle prime palle da tennis utilizzate per il lawn tennis e della prima società tedesca ad aver fornito al Maggiore Clopton Wingfield le palle vendute nella sua cassa per il gioco “Sphairistikè”. Un libro in formato A4 riccamente illustrato con moltissime ed inedite immagini a colori di una cinquantina di pagine scritto in tedesco però con un’appendice finale in lingua inglese.

Si tratta di un lavoro molto interessante che chiarisce i dubbi che da sempre esistevano circa quale società tedesca avesse fornito le prime palle per il lawn tennis che come puntualizzava una vecchia pubblicità del 1874 dell’agente londinese French & Co., unico abilitato alla commercializzazione della cassa di Wingfield, erano di fabbricazione tedesca ma non specificava il nome del produttore.

libro KerlingÈ la Vereinigte Gummiwaaren Fabriken Harburg-Wien con sede ad Harburg che le fabbricò utilizzando uno spessore extra di gomma indiana. In quel periodo questa ditta era la più importante in Germania nella lavorazione del caucciù e l’unica in grado di fabbricare palle di gomma. Successivamente nel 1902 la ditta modifica la propria denominazione nella più conosciuta Standard Harburg-Wien.

Un’altra curiosità riportata nel libro è quella che sia le palline inglesi Ayres e successivamente le Slazenger utilizzate nei primi tornei di Wimbledon, così come le statunitensi Wright & Ditson con le quali si giocavano i campionati americani, erano in realtà sempre prodotte dalla casa tedesca! A seguito di precisi accordi commerciali tra le parti non figurava però sulla confezione il nome della ditta tedesca e neppure che si trattasse di un prodotto d’importazione. All’inizio del Novecento altre importanti case tedesche della gomma hanno poi prodotto con successo le palle per il tennis e fra queste in particolare la Continental di Hannover e la Mitteldeutschen Gummiwarenfabrik Louis Peter di Francoforte. E’ stato pertanto decisamente prezioso il contributo fornito dalle aziende tedesche della gomma all’avvio del moderno gioco del tennis.