Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Esperto 2218 2La domanda completa - Un amico francese, molto appassionato come me, mi segnala il lancio di un gioco del tennis in scatola, da giocare su un tavolo, in due o in quattro. Per caso sapete di che cosa si tratta?

Ricky79 - via email

Risponde Enzo Anderloni, direttore di SuperTennis Magazine

La risposta
Gentile Ricky, il suo amico è molto attento alle novità, anche quelle di nicchia. Da pochi mesi è infatti disponibile on-line, su un sito francese (www.domisport.club), “Set&Match”, un nuovo e originale gioco tennistico in scatola che con modalità antiche propone il tennis moderno anche fuori dal campo. È basato infatti su una superficie di gioco in cartone (come la tavola del Monopoli o del Risiko) su cui è disegnato un campo. All’interno del quale però le diverse zone, proprio come nel tennis giocato, hanno un diverso valore tecnico-tattico.

Esperto 2218 3Le fettine dell’area di battuta vicine alle righe esterne e alla linea centrale valgono per esempio un “ace”. E cogliere gli angoli del campo, profondi e precisi, vale “tre”; mentre se si resta più corti si prende solo un “due” e, ancora meno profondi e più centrali, si scende a “uno” o anche a “zero”. Tutti bersagli da centrare a turno in un vero e proprio scambio che alla fine può darci il nostro “quindici”, come sul campo vero.

La differenza sta nel fatto che invece della palla da colpire con la racchetta, c’è un dischetto di legno, colorato di giallo e reso scorrevole da uno strato-base di feltro, da “biccellare” con le dita, dosando la forza al millimetro. Una palla da giocare con precisione su un campetto che pare tutto lì, facile facile da conquistare e invece, all’atto pratico, si rivela impegnativo, ideale per sfide combattutissime. Nell’epoca degli e-games, l’idea pare antichissima. Richiama le gare di biglie, i fasti del Subbuteo. Però vederla applicata e vedere l’interesse che suscita immediatamente in grandi e piccini fa un certo effetto. E mentre si gioca, si ripassa anche la tattica del tennis vero, alla ricerca di profondità, angolazioni e... tanti agognati ace.