Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Conclusi i master regionali che portano alle finali di Roma. Adesso ha inizio la terza fase e gli Internazionali BNL d’Italia aprono le porte ai Fighters di tutto il Paese. Coinvolti 1.400 giocatori in 18 regioni

di Claudia Pagani

pugliaLa fase regionale dei Campionati Amatoriali Fit-Tpra ha dato i suoi verdetti. Tutti i vincitori dei Master che si sono giocati in contemporanea nel week-end appena trascorso in ben 18 regioni d’Italia si aggiudicano il pass per disputare il Master nazionale e cercare di aggiudicarsi il titolo di Campione Italiano degli Amatori al Foro Italico. Gli Area Manager di tutta Italia sono riusciti a organizzare insieme ai circoli ospitanti un evento che ha coinvolto circa 1.400 giocatori, tutti con un unico obiettivo, staccare il biglietto per Roma e accedere così alla terza e ultima fase del viaggio, la conquista del Foro.
Il 18, 19 e 20 maggio si scenderà in campo proprio a Roma, con finale al Foro Italico. Lì si assegnerà il titolo di Campione d’Italia amatoriale. Date e luogo coincidono proprio con la finale degli Internazionali BNL d’Italia. Un’occasione unica da vivere tutta d’un fiato: grazie alla Fit gli amatori d’Italia avranno l’opportunità di rappresentare la propria regione in una competizione che riunirà nella città eterna i fighters delle varie categorie: Open maschile, Open femminile, doppio maschile e femminile, doppio misto, Limit65 e Limit45 maschile.

Dalla Sicilia alla Toscana
Loris bolognaIl Master regionale siciliano si è svolto sui campi del Tennis Mompilieri di Catania (nelle prime due foto), con l’Etna innevato e fumante alle spalle. L’altissima partecipazione dei giocatori provenienti da tutta la regione non ha creato nessuna difficoltà organizzativa al Direttore del torneo, Francesco Guglielmino. Tutto questo è testimoniato dalle parole dell’Area Manager Martino Gramignano che conferma: “In campo si è visto un grande fair play e si sono create nuove amicizie. Il personaggio del week end non può che essere Marco Bastante, 42 anni, imprenditore edile di Siracusa. Personaggio eclettico che si è presentato ai nastri di partenza da outsider e dalle qualificazioni è arrivato dritto alla vittoria”.
Non può essere che soddisfatto anche Luca Viviani, Area Manager della Toscana vista l’alta affluenza di giocatori che, a Lido di Camaiore, Versilia, si sono dati battaglia su otto campi. Erano ben 180 i fighters provenienti da 9 province e divisi nelle sette categorie. I volti nuovi del tennis amatoriale toscano saranno sicuramente protagonisti anche a Roma: come Marco Polvani (nella foto a sinistra), grintoso fighter aretino che vince dominando la categoria Limit65 tra 40 concorrenti. Ne è diretto testimone proprio Viviani: “Marco è stato spinto a partecipare dal fratello Riccardo, più giovane e talentuoso, un favorito nel Limit45. Lui però zitto zitto dalle qualificazioni è andato crescendo. Sempre in rigoroso silenzio perché il bambino piccolo in panchina dormiva in braccio alla mamma...”.

Dall’Emilia alla Puglia
lombardia prem Open MAnche l’Area Manager dell’Emilia-Romagna, Piergiorgio Lugasi, di questo bel week end tennistico vuole ricordare un giocatore che pur non avendo vinto si è fatto notare per la caparbietà. È Loris Balduini (nella foto in alto), 61 anni ma “ne dimostra 50 e corre come un trentenne: ha disputato il doppio maschile in coppia con il figlio ma era anche in gara nel singolare ‘Open’ qualificati e quindi, dopo la finale di coppia, è sceso ancora in campo e se l’è giocata fino ai crampi. Non ha vinto e non andrà a Roma - sentenzia Lugasi - ma è lui il prototipo del fighter”.
In Puglia il torneo più importante a livello regionale si è giocato all’Angiulli Bari. “Il circuito Fit-Tpra è di casa nella Società Ginnastica Angiulli di Bari e lo dimostrano i numeri impressionanti degli ultimi due anni del tennis amatoriale”. L’esperienza che l’Angiulli ha accumulato in questi anni nell’organizzazione di questi tipi di eventi ha permesso di gestire nel migliore dei modi un Master che vedeva ai nastri di partenza i giocatori amatoriali più forti della Regione. Anna e Ghita Marzano, hanno diretto l’evento in maniera eccellente, andando incontro alle esigenze dei partecipanti provenienti da tutte le province pugliesi.

Nuove realtà e conferme
Per la prima volta regioni come il Friuli-Venezia Giulia e l’Alto Adige portano dei loro qualificati a Roma mentre Piemonte e Lombardia fanno il pieno. Il Master Regionale Road to Rome del Piemonte si è svolto sulla terra rossa del prestigioso Circolo Le Pleiadi di Moncalieri (To) e ha visto la presenza di 111 fighters suddivisi nelle diverse categorie, provenienti da ogni provincia, superando le aspettative dell’organizzazione grazie anche al supporto del Comitato Regionale Fit Piemonte, nella persona del Presidente Giancarlo Davide. Non di meno è stata apprezzata da tutti i 123 partecipanti la scelta dell’Area Manager Lombardia Gianluca Pozzi di suddividere le varie competizioni in tre rinomati circoli, poco distanti tra loro, in provincia di Monza e Brianza, Il Tc Arcore, l’At Concorezzo e il Villa Reale Tennis Monza. “Così siamo riusciti a non accumulare ritardi e soddisfare le esigenze di tutti i giocatori”. In Lombardia (foto qui a sinistra) ha prevalso Daniele Ferrari, che ha chiuso il suo viaggio verso Roma con un rotondo 6-0 nei confronti del primo favorito Gianluca Stella sotto gli occhi del giudice di sedia Atp Bernardes, accorso a tifare la compagna impegnata nel doppio misto. Anche questa è la magia Fit-Tpra.