Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

espertoLa domanda - Un trattamento medico cominciato durante un cambio campo può essere ripreso in quello successivo?

La domanda completa
Un trattamento eseguito per risolvere una problematica sull’1-0, potrebbe essere eseguito anche sul 3-0, 2-1 o 1-2, ossia al cambio di campo successivo? Oppure quella stessa problematica potrà essere effettivamente trattata dal medico una seconda volta soltanto sul punteggio di 5-0, 4-1, 3-2, 2-3, 1-4, ossia dopo due cambi campo?

Alberto Mastrangelo

La risposta
Ci viene posto un quesito di chiarimento sulla regola del trattamento medico. Per rispondere prendiamo ad esempio questo caso.
Paolo sta giocando una partita di singolare contro Amedeo. Durante uno scambio, Amedeo inciampa nella corsa e cade rovinosamente per terra facendosi male alla caviglia. Chiede immediatamente l’intervento del fisioterapista. Casi come questo sono abbastanza semplici da gestire: il giocatore cade, si fa male, e chiede l’intervento del fisioterapista (se presente e se previsto). Si ferma il gioco e si chiama subito in campo il fisio: costui effettuerà una sua valutazione, dopo di che avrà a disposizione 3 minuti per prestare un trattamento medico al giocatore. Nel caso in cui a causa della caduta si fosse fatto male anche un’altra parte del corpo, egli avrà diritto a due distinti interventi da 3 minuti l’uno per ogni distinta patologia.
Altra regola generale sancisce che un giocatore ha diritto anche a due ulteriori “trattamenti medici” per la stessa patologia della durata di 1 minuto ciascuno (durante il cambio campo in pratica) anche non consecutivi. Questi due trattamenti brevi possono anche essere richiesti prima del trattamento medico di 3 minuti (oppure uno prima e uno dopo).
Quando sulle regole si fa riferimento alla frase “come indicazione di massima, il trattamento medico deve essere limitato a due cambi di lato... e non deve essere consecutivo”, si fa riferimento al fatto che all’interno dello stesso cambio di campo non può essere concesso il trattamento medico consecutivamente.
Altro principio fondamentale è che la chiamata del fisioterapista non può mai essere negata, in quanto solo costui può determinare se la patologia per la quale viene richiesto l’intervento sia trattabile o non (con le relative conseguenze), o sia una condizione di crampi o no.
Per quanto riguarda invece le patologie considerate trattabili e non trattabili si rimanda alla lettura delle carte federali delle “regole di tennis” appendice Fit.
Qualora invece non si avesse a disposizione un fisioterapista, ma un giocatore, sia che stia giocando un torneo individuale che un campionato a squadre, dovesse aver bisogno di un trattamento medico, questi potrà richiedere l’interruzione dei 3 minuti, ma sarà necessario che o il proprio fisioterapista o il capitano della squadra, o un altro giocatore di quella squadra, oppure semplicemente il giocatore stesso, intervenga con un massaggio o con l’intervento richiesto. Non potrà essere concesso al giocatore di stare fermo per quell’arco di tempo senza che gli venga somministrato un trattamento.