Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Sono in grande condizione in un momento irripetibile: Fabio ha la chance di raggiugere la Top 10, sara di tornare nelle alte sfere. E Roger, affrontando la terra battuta, fare un pensierino a un clamoroso Grande Slam

di Enzo Anderloni 

afildirete 918 w1L’importante è farsi trovare pronti. Nel tennis come nella vita ci sono momenti da cogliere e opportunità anche insperate che si materializzano improvvisamente. Spesso le consideriamo momenti fortunati ma lo diventano solo se noi siamo pronti ad approfittarne. Se ci siamo con la testa. Se, nel nostro caso, siamo “a focus” sul tennis e sull’obiettivo di esprimere sempre il meglio. Il massimo del nostro potenziale.

Prendiamo Fabio Fognini. A parte il sempre maggiore equilibrio, unito a tranquillità e lucidità che gli permette di raddrizzare una finale come quella di San Paolo del Brasile dopo aver perso tutti i primi 15 (15!) punti del match, si trova ora davanti una stagione in cui può fare la sua storia.

Vincendo il 6° torneo Atp della carriera (ha raggiunto Bertolucci, ora ha davanti solo Panatta) è salito al n.19 del mondo. Tra i 18 che gli stanno davanti ce ne sono 3 che non giocheranno per un po’ (Nadal, Wawrinka, Djokovic). E uno solo con il quale le sue chanches di vittoria, considerato il tennis stellare che è in grado di esprimere quando è centrato, sono meno del 50%: Federer. Nella classifica cosiddetta Race, quella che tiene conto solo dei punti conquistati dal primo gennaio 2018, è n.11.

Ci sono tutte le condizioni per provare a fare quello che è riuscito 9 anni fa a sua moglie Flavia: entrare (fu la prima italiana in assoluto) nel club dei primi 10 del mondo.

Fabio li vale. Se si fa trovare pronto a cogliere tutte le opportunità questo 2018 può essere un momento irripetibile per lasciare un segno indelebile. Considerando anche il quarto di finale di Coppa Davis da giocare in casa, a Genova contro la Francia. Si tratta di tentare delle imprese, di scalare montagne impervie. Ma se si arriva pronti e determinati al campo base...

afildirete 918 w2Prendi Federer. Non aveva pensato e previsto di giocare a Rotterdam. Però dopo gli Open d’Australia stava bene. Era pronto. E quando, fatti due conti, si è accorto che arrivando nei quarti sarebbe tornato n.1 del mondo non ci ha pensato due volte. Che importava se poche settimane dopo Nadal, vincendo ad Acapulco e con pochi punti da difendere a Indian Wells, si sarebbe potuto riprendere il trono.

È andato in Olanda, ha vinto il torneo, si è tolto la grande soddisfazione che voleva. E adesso scopre che Nadal è infortunato e salterà sia Indian Wells che Miami. Si concentrerà solo sulla terra battuta. Già, ma come ci arriverà? Riuscirà a riprendere immediatamente il filo dei 10 successi al Roland Garros? O i muscoli dell’anca lo perseguiteranno ancora?

Se Federer si farà trovare pronto, questa strana stagione con Murray, Djokovic e Wawrinka ancora fermi ai box e i giovani sempre più forti ma ancora un pelo acerbi, potrebbe diventare l’opportunità per tentare un colpo pazzesco. Dicesi Grande Slam.

Per uno che migliora sempre perché, come ha recentemente dichiarato, considera il rimanere uguale a se stesso un regresso, nulla è impossibile. Specie se si vengono a creare le opportunità.

afildirete 918 w3Come quelle che si aprono anche per Sara Errani che, a 30 anni come Fognini, è ritornata a lavorare con il suo storico coach spagnolo Pablo Lozano e ha ritrovato una condizione che la può riproiettare tranquillamente nelle alte sfere, considerando il momento tanto “liquido” ai vertici. Sara, vincendo il 125mila dollari di Indian Wells, è rientrata tra le top 100. Ma gioca già almeno da prime 30.

Se è pronta come sembra e si ripropone con la continuità che le era tipica ha l’opportunità di risalire il ranking Wta come su un ascensore. Le porte scorrevoli dell’opportunità si stanno aprendo anche per lei.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 9 - 2018  

Per scaricare il numero completo della nuova rivista settimanale potete CLICCARE QUI Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf. 

 

SuperTennis Magazine – Anno XIV – n.9– 7 marzo 2018

afildirete 918 w4In questo numero

Prima pagina –L’ora delle opportunità Pag.3

Circuito mondiale –Fognini da Top 10: adesso si può fare Pag.4

Circuito mondiale –Una grande avventura Pag.8

Focus Next Gen– Tsitsipas come Federer, malato di tennis Pag.9

Terza pagina – Quando Ljubo fece… Roger Pag.11

I numeri della settimana –Fognini a tavoletta Pag.12

Il tennis in tv – Dal tramonto all’alba Pag.13

IBI 18 – Roma ad alta velocità Pag.14

Pre-qualificazioni IBI 18 – Chi va verso il Foro Pag.15

Circuito Fit-Tpra – Tornei Grand Prix: semaforo verde Pag.19

Personal coach – la terra non fa male: Roger, che occasione! Pag.21

Racchette & dintorni: Yonex VCore Pro 97, potenza elegante Pag.23

L’esperto risponde – Avete mai sentito parlare di una racchetta Airon Cober? Pag.25