Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies, compresi quelli di profilazione, sul proprio dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

racchetta Delta PSM 4La domanda - Racchetta Delta Extra: ma chi l’ha mai vista?

Risponde Franco Alciati, presidente dell’Associazione Collezionisti Tennis

La risposta - Qualche settimana fa nei miei consueti tour fra i mercatini delle pulci di Torino e provincia ho avuto la fortuna di imbattermi anch’io in questa racchetta decisamente non comune, tanto misteriosa che non è neppure contemplata nel libro guida del settore ‘Racchette italiane’ scritto nel 2007 dall’amico e primo presidente dell’Associazione Collezionisti Tennis Beppe Russotto.

racchetta Delta PSM 1La racchetta, modello Delta Extra, riporta una stampiglia a fuoco con la scritta: P. Sirtori Missaglia (Italy) e sul cuoio del tondello del manico la sigla: P S M.
Ho cercato di approfondire queste scarne notizie e con un po’ di fortuna sono entrato in contatto con il Sig. Italo Sirtori, imprenditore novantenne titolare con i figli della Officina Sirtori Srl di Missaglia (Lecco) sorta nel 1920 e operante nel settore delle lavorazioni meccaniche.
Il Sig. Italo mi riferisce che senza dubbi la mia racchetta è stata fabbricata da suo cugino Pietro, il quale verso la metà degli Anni Trenta aveva rilevato dal padre una falegnameria che trasformò successivamente in laboratorio di produzione sci e racchette da tennis. Pietro, meglio conosciuto come ‘Pierino’, era una persona ingegnosa e meticolosa ed i suoi prodotti erano molto apprezzati dagli sportivi lombardi, cosa che è confermata dalla racchetta che si presenta ben rifinita nei particolari. Ho inoltre potuto chiarire il significato della sigla “P S M” che si identifica in “Pietro Sirtori Missaglia”. Il Signor Pietro era amante del gioco del tennis e fu tra l’altro uno dei soci fondatori del Dopolavoro Comunale di Missaglia che vantava una sezione tennis con alcuni campi da gioco. Purtroppo morì improvvisamente in giovane età e non avendo figli la sua azienda cessò l’attività negli anni quaranta. La breve durata e la modesta produzione sono sicuramente i motivi che rendono le racchette di questo marchio oggigiorno decisamente rare.