Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

A seconda della categoria d’età presa in considerazione, si analizzano aspetti di complessità sempre più alti perché all’aumentare delle competenze e dello sviluppo fisico vengono richieste performance più elevate

di Massimiliano Brocchi, I.S.F. R. Lombardi - foto Getty Images

stat 2Con la match analisi si possono osservare infiniti aspetti della performance di un atleta. Sul numero scorso noi però ci siamo focalizzati sullo studio dei colpi di inizio gioco, servizio e risposta, in quanto questi risultano fondamentali per la determinazione dell’inerzia dello scambio e la conquista del punto. Effettuando una analisi dei match anche nelle categorie giovanili ci possiamo rendere conto di quelli che sono in discostamento dal modello di riferimento del tennis di vertice in modo tale da poter strutturare dei percorsi formativi e di specializzazione che siano in grado di andare a incidere con maggior precisione su quegli aspetti della preparazione dell’atleta che, in base all’età e al livello di gioco attuale, risultano di primaria importanza per un miglioramento della prestazione.
Nel tennis giovanile, a seconda della categoria che ci troviamo ad affrontare, andremo ad analizzare elementi di complessità progressivamente crescente perché all’aumentare delle competenze e dello sviluppo fisico dell’atleta, saranno richieste performance sempre più elevate dal punto di vista qualitativo.

Gli elementi da analizzare
Per fare un esempio, nelle le categorie under 12 e 14 la nostra attenzione è rivolta soprattutto ai seguenti aspetti della performance di gara. Analizziamole una per una.

stat 1Percentuali di prima palla di servizio in campo: questo colpo ricopre un ruolo fondamentale nel tennis moderno e pertanto è necessario comprendere, fin dalla più giovane età, l’importanza che ha ai fini dell’economia di un match. Un buon numero di prime palle in campo non sempre è sinonimo di una buona gestione del servizio, un’interpretazione troppo conservativa e poco propositiva di questo colpo infatti può portare grossi problemi nel futuro in quanto, al crescere del livello di gioco si andranno a ridurre i margini utili per poter conquistare il punto, pertanto le “lacune” tecnico-tattiche che l’atleta si porterà dietro dalle categorie giovanili costituiranno uno scoglio per il raggiungimento di un elevato livello di performance nel tennis di alto livello.

Numero di doppi falli nel match: nella gestione della economia del match, la consistenza della seconda palla di servizio gioca un ruolo molto importante. Questo colpo infatti deve essere sviluppato fin dalle categorie giovanili con una duplice finalità: non solo non deve permettere all’avversario di conquistare il punto sulla risposta o prendere in mano lo scambio, ma deve anche permettere al giocatore al servizio di iniziare lo scambio in una situazione di vantaggio. Il numero di doppi falli è un indicatore della sicurezza di questo colpo, ovviamente questo dato non va analizzato in maniera asettica, ma va contestualizzato e messo in relazione con il numero di punti conquistati con il servizio, direttamente ed indirettamente.

foto personal 1Percentuale di game vinti al servizio: questo indicatore ci fornisce informazioni riguardo la capacità di sfruttare il proprio servizio e di gestire in maniera proattiva il gioco utilizzando il colpo del servizio come una arma e non solamente come un colpo per iniziare a giocare.

Zone di campo colpite: focalizzandosi su questo dato, l’allenatore può analizzare, attraverso dati oggettivi, la capacità dell’atleta di raggiungere determinate zone di campo sia al servizio che con la risposta. Questo dato è un indicatore delle capacità tecnico-tattiche del giocatore e mette facilmente in evidenza eventuali lacune.

Percentuale di errori sulla risposta: questo dato ci fornisce informazioni sulla capacità dell’atleta di gestire il colpo della risposta sia dal punto di vista dell’attenzione che dal punto di vista tecnico tattico. Il numero di errori alla risposta infatti può incidere sia positivamente che negativamente sulla economia del match, in quanto se ci si trova di fronte a un giocatore che risponde in campo tutte le volte che ne ha la possibilità, magari anche trovando le giuste direzioni e profondità, sicuramente ci troviamo di fronte a una gestione più sicura del gioco. Viceversa se abbiamo un giocatore che commette molti errori in risposta, soprattutto sulla seconda palla, dobbiamo andare a confrontare questo dato con quello del numero dei punti conquistati con la risposta (winner ed errori forzati), per avere un quadro chiaro del perché il suddetto giocatore commetta quel numero di errori.

Il corretto sviluppo degli atleti
Per concludere questa serie di due articoli (il primo sul numero 43 di SuperTennis Magazine, pubblicato il 22 novembre) possiamo rimarcare il fatto che la match analisi oggi è uno strumento fondamentale per un corretto sviluppo tecnico-tattico dell’atleta, uno strumento che va inteso ovviamente non come sostituto dell’allenatore o come alternativa all’allenamento, ma che ne deve diventare parte integrante contribuendo a una specializzazione che passa attraverso un percorso formato dalle competenze degli allenatori ma anche attraverso i dati oggettivi che al giorno d’oggi i vari studi e gli strumenti scientifici di cui possiamo disporre sono in grado di fornirci.
Più il livello di gioco sale più le scelte possibili per poter conquistare il punto diminuiscono. Il tennis percentuale pertanto diventa un mantra fondamentale che deve essere inculcato nella testa dell’atleta fin dalle prime fasi del suo percorso formativo, facendo in modo che quest’ultimo sviluppi progressivamente e parallelamente gli aspetti tecnici, tattici e fisici di questo sport attraverso una strada ben definita che, come in un navigatore, porta dal punto di partenza alla destinazione stabilita attraverso la percorrenza dell’itinerario migliore.