Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

foto espertoLa domanda - Alle Next Gen Atp Finals verranno sperimentate molte rivoluzionarie novità regolamentari: quali?

La risposta - Milano è pronta mandare in scena un evento nuovo e rivoluzioni. Da un punto di vista regolamentare sono almeno 8 le grandi novità che saranno introdotte. Riepiloghiamo qui di seguito tutte le innovazioni che vedremo in campo alle Next Gen Atp Finals di Milano dal 7 all’11 novembre.

5 set brevi, niente vantaggi - Un formato più breve, con partite al meglio dei 5 set. Si aggiudica il set chi conquista per primo 4 game (eventuale tie-break sul 3-3). Niente vantaggi, sul 40-40 si giocherà un punto secco. La decisione del lato del campo sarà a discrezione del battitore. Il set più breve è stato pensato per aumentare il numero di momenti-chiave nel corso degli incontri. Allo stesso tempo, le partite al meglio dei 5 set consentiranno di mantenere inalterato il numero di game necessari per vincere gli incontri (12) rispetto al formato tradizionale.

Riscaldamento più rapido - Gli incontri inizieranno precisamente 5 minuti dopo l’ingresso in campo del secondo giocatore. Questo ridurrà i tempi di attesa prima dell’inizio degli incontri e tra un match e l’altro.

Lo Shot Clock - Il tempo trascorso tra un punto e l’altro verrà calcolato con un orologio a bordo campo. In questo modo sarà più facile verificare il rispetto da parte dei tennisti della regola dei 25 secondi tra un punto e l’altro, ma anche la durata delle pause tra un set e il successivo, dei time-out medici e il rispetto dei 5 minuti tra l’ingresso in campo e l’inizio della partita.

No-Let - Non sarà più chiamato il Let se sul servizio la palla tocca il nastro, il che aggiunge un elemento di imprevedibilità all’inizio di ogni punto. La regola contribuirà anche a eliminare la discrezionalità del giudice di sedia in merito alle chiamate sul let. L’incidenza del nastro sul servizio verrà così equiparata a quella negli altri momenti del gioco.
Un time-out medico - Ogni giocatore potrà richiedere un time-out medico di 3 minuti a partita.

Il coaching diventa libero - Giocatori e allenatori potranno comunicare tra loro, il che fornirà un ulteriore motivo di interesse durante la copertura televisiva. I coach, a fine set, avranno la possibilità di parlare in cuffia con i propri atleti.

In tribuna, liberi di muoversi - Un’altra novità riguarderà la possibilità per il pubblico di muoversi liberamente nell’impianto, anche durante lo svolgimento del gioco e per tutta la durata del torneo. La ‘Free Movement Policy’ non riguarderà però il pubblico seduto a ridosso delle due linee di fondocampo. La novità consentirà agli spettatori di muoversi liberamente nello stadio durante gli incontri, contribuendo così a rendere l’atmosfera più rilassata e permettendo di accedere agli spalti in qualsiasi momento, senza aspettare i cambi di campo.

Niente giudici di linea - In anteprima mondiale le Next Gen Atp Finals 2017 di Milano adotteranno il sistema “Electronic Line Calling” su tutte le linee del campo.
Questo implica che non ci saranno giudici di linea e che il giudice di sedia sarà l’unico effettivamente presente sul campo durante il torneo. Il sistema sarà in grado di effettuare istantaneamente una chiamata “out” e poiché per impostazione ogni chiamata sarà definitiva, l’Electronic Review non prevede la possibilità di Challenge.