Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il leader della classifica Open maschile, a fine stagione, è un ispettore di Polizia campano: “Ma vincere a Brescia sarà durissima”. Presentiamo i protagonisti della stagione verso le Awt Finals, dove vivranno un'esperienza da Pro

di Claudia Pagani

foto antimoQuesto è stato un anno particolare per il circuito amatoriale Fit/Tpra, le nuove regole di accesso e il sistema basato sul calendario tornei-weekend con punteggi maggiorati, che segue le tappe del circuito dei professionisti, ha creato grande competizione tra i “fighters” di tutta Italia, con una classifica sempre più aperta e avvincente fino all’atto finale. L’1 ottobre, poi, si sono chiusi i giochi e tirate le somme. In tutte le regioni si è cercato di raggiungere nuovi circoli e coinvolgere i loro tesserati nella grande competizione nazionale per gli amatori. In alcune provincie ‘storiche’ a volte è stato difficile adattarsi ai cambiamenti: molti dei giocatori che per anni hanno animato il circuito si sono dovuti misurare con altre competizioni o aprirsi al mondo dei doppi, specialità più “social” che ben si adatta al mondo amatoriale. Molti i km macinati per raggiungere i circoli, ore e ore passate sui campi, palline colpite, rincorse e disperse, applausi e strette di mano, qualche imprecazione e... sorrisi e quattro chiacchiere in compagnia, magari attorno a una tavola imbandita e con una coppa nel borsone. E dopo questo viaggio, lungo una stagione intera, sono 36 i fighters che hanno centrato l’obiettivo qualificazione e che parteciperanno al Master di Brescia per aggiudicarsi i titoli amatoriali assoluti 2017.

Il numero 1 dell'anno
Il ruolo di portabandiera dell’intero movimento spetta ad Antimo Pragliola, il n.1 del ranking 2017. Il 48enne ispettore di Polizia, residente a Giugliano in Campania, ha vissuto un anno strepitoso sfiorando addirittura il grande Slam: suo l’Australian Open, Wimbledon e lo Us Open; è mancato solo il titolo del Roland Garros, sfuggitogli per un soffio perdendo in finale al tie break dall’eterno amico-rivale Tescione, n.3 del ranking. Antimo, che frequenta il Tennis Villaricca allenandosi 2 o 3 volte la settimana, ha conosciuto il circuito Fit-Tpra per puro caso navigando su Internet. In un attimo si è iscritto al portale, il 31 marzo 2016, e da allora ha iniziato a giocare sempre più assiduamente. È un giocatore prevalentemente da fondo campo, pronto alle lunghe maratone, anche se la passione per il doppio gli permette di scendere a rete con successo. Il colpo migliore è senz’altro il dritto lungolinea. L’amore per il tennis è nato insieme a un regalo ricevuto per la prima comunione: una racchetta e una pallina. Non avendo altre possibilità, i primi fondamenti tennistici sono stati sperimentati nel cortile di casa, scambiando palleggi con l’amico-muro. Dopo i vent’anni la passione per questo sport è andata aumentando e sono iniziate le prime competizioni agonistiche. Poi l’incontro con il Fit-Tpra che in primis ha soddisfatto le esigenze personali e lavorative permettendo di gestire gli incontri e i tornei con una certa elasticità, poi ha risvegliato la voglia di vincere, l’attenzione alla classifica anche se rimane una competizione tra amici.
“Il TPRA mi ha dato la possibilità di fare nuove esperienze tennistiche - spiega Pragliola -, ma anche di viaggiare, vedere circoli nuovi e conoscere avversari, persone squisite. Esperienze fantastiche come quest’estate al New Country Tennis Academy di Bari dove è stata organizzata 'La Notte Bianca del tennis', un torneo iniziato alle 20.30 e chiuso alle 3 di notte. Ma anche a Roma - prosegue - dove ho potuto, partecipando alla tappa del Kia Tennis Trophy e calcare i campi del Foro Italico. Ora mi aspetta il Master di Brescia, dove mi auguro ovviamente di ben figurare anche se sono consapevole di trovare una concorrenza agguerrita.”.

foto masterAl Master come i Pro
Concorrenza, certo, ma anche un bell'ambiente da Pro. Con tanto di viaggio, vitto, alloggio e con tutti i privilegi dei grandi campioni, nel week-end che va dal 17 al 19 novembre. Tutti i qualificati vivranno l’esperienza di un torneo Atp Challenger di cui riceveranno il pass ufficiale unitamente alla Fight Card AWT Finals. Alcuni match, tra l'altro, saranno giocati proprio sul campo centrale in un palazzetto da 2.500 persone con raccattapalle e giudici di linea selezionati. Si potrà usufruire di un campo di allenamento posto all’interno del centro stesso. A disposizione dei fighters ci saranno il servizio di incordatura del torneo e il servizio di transportation ufficiale dall’hotel, lo stesso che ospiterà i giocatori professionisti dell’Atp Challenger, fino al campo di gara. Il sabato sera, per tutti i protagonisti del master, ci sarà il Players' Party al quale potranno avere accesso anche amici, parenti e tutti i simpatizzanti del circuito Fit-Tpra. Una festa nella festa che caratterizzerà le Finals 2017. Oltre a decretare i migliori giocatori dell’anno saranno celebrati infatti i primi 10 anni di storia del circuito nato proprio a Brescia nel 2007. Nel corso dell'anno, quest'anno, più di 35 mila appassionati si sono messi in gioco raccogliendo la sfida.