Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

La Race to Milan si chiude il 30 di ottobre, dopo la settimana dei tornei Atp di Vienna e Basilea (Parigi Bercy non conta). Facciamo il punto su chi è in lotta e sulle rispettive programmazioni. Berrettini passerà da Milano 3

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

coricTrentaquattro giorni all’alba. Le Next Gen Atp Finals sono ormai alle porte e Milano si sta preparando per la prima grande edizione di uno degli eventi tennistici più attesi dell’anno. Ma chi saranno i protagonisti? Quali sono i giocatori under 21 già sicuri di partecipare e chi è in lotta per gli ultimi posti disponibili? Chi farà parte dei magnifici 8?

Lingua russa al potere
Al momento sarebbero tre i tennisti russi (Andrey Rublev, Karen Khachanov e Daniil Medvedev) oltre a due di madrelingua slava (Alexander Zverev e Denis Shapovalov). Zverev, leader indiscusso della ‘Race to Milan’, è l’unico già qualificato matematicamente con i suoi 4.220 punti, ma sono praticamente certi della partecipazione, salvo cataclismi, anche Rublev, Khachanov e Shapovalov. Rischiano invece il posto Borna Coric, Jared Donaldson e Daniil Medvedev, mentre l’ottavo spot al momento è appannaggio del coreano Hyeon Chung. Fra questi quattro il più in forma sembra essere Donaldson, capace di spingersi sino ai quarti di finale nell’Atp 250 di Chengdu. Al momento sarebbero fuori dai giochi i tre yankee Frances Tiafoe, Taylor Fritz ed Ernesto Escobedo, così come Alexander Bublik, Quentin Halys e Casper Ruud.

chungStato di forma e calendario
La ‘Race to Milan’ sancirà gli 8 qualificati (compresa la wild card azzurra proveniente dalle pre-quali) il 30 ottobre, al termine della settimana comprendente gli Atp 500 di Vienna e Basilea e 5 eventi challenger (Brest, Ho Chi Minh City, Lima, Suzhou e Traralgon). Non saranno presi in considerazione i punti conquistati nel Masters 1000 di Parigi Bercy. Vi sarà dunque ancora un mese di tornei, con 30 giorni di punti pesanti in palio, a far pendere la bilancia verso questo o quel giocatore. Un exploit, anche dalle retrovie della ‘Race to Milan’, potrebbe ancora portare alla ribalta un partecipante - diciamo così - a sorpresa. Chi sono dunque i giocatori più in forma tra quelli in bilico? E quale la loro programmazione? Alle qualificazioni del Masters 1000 di Shanghai, che mette in palio punti pesanti, saranno presenti Medvedev, Tiafoe, Coric, Donaldson e Fritz, con gli ultimi due reduci dai quarti a Chengdu e in forma decisamente migliore rispetto ai diretti concorrenti. Il ritorno in Europa e il torneo di Mosca potrebbero agevolare Medvedev e il kazako Alexander Bublik, che nel 2016 si fecero conoscere dal grande pubblico raggiungendo, nella capitale russa, due buonissimi quarti di finale. Chung ha scelto invece Stoccolma, mentre Donaldson sarà di scena ad Anversa. Nelle retrovie Halys e Ruud stanno accusando le fatiche di una lunga stagione. Berrettini disputerà due challenger prima delle pre-qualificazioni ma, anche se dovesse vincerli entrambi, non lo proietterebbero di diritto all'interno dei qualificati di diritto.

carliLa strada per le Prequali 
E così Berrettini dovrà passare per lo Sporting Milano 3 di Basiglio, dal 3 al 5 novembre, dove si giocheranno le pre-qualificazioni tra i migliori 8 azzurri della ‘Race to Milan’. Il grande favorito della vigilia è proprio il romano, ma attenzione a Gianluigi Quinzi (ancora alle prese con un problema fisico al braccio sinistro) e ad Andrea Pellegrino, reduce dal successo nel $25.000 di Santa Margherita di Pula. Il torneo si svolgerà su campi in veloce indoor con tutte le regole delle Finals under 21. Oltre ai tre citati, saranno protagonisti anche l’italo-americano Liam Caruana, Filippo Baldi e Cristian Carli (nella foto). “Sarà una grande emozione partecipare a queste pre-qualificazioni - ha raccontato Carli, classe 1996, reduce da un buon match disputato e perso in tre set nel challenger del Due Ponti contro Adrian Ungur - anche se il sintetico non è la mia superficie preferita. Cercherò di arrivare pronto e carico”. Bagarre per gli ultimi due posti, con tantissimi giocatori in pochi punti. Tra loro Julian Ocleppo, Raul Brancaccio, Jacopo Stefanini, Riccardo Balzerani e Gian Marco Moroni, tutti racchiusi in 6 punti.