Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il greco trionfa a Genova, mentre il canadese conquista il secondo titolo del livello sulla terra di Siviglia. Segno che oltre ai protagonisti di oggi, la Next Gen si prepara già al primo “ricambio generazionale”

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

tsitsipasStefanos Tsitsipas prosegue la propria scalata passando per Genova. Il giovanissimo greco, classe 1998, ha conquistato in Liguria il primo challenger della carriera, portando a casa il titolo senza cedere alcun set. Tsitsipas ha superato nell’ordine Guido Andreozzi, Aldin Sektic, Jan-Lennard Struff (n.1 del seeding e top 50), Marton Fucosvics e, in finale, l’esperto spagnolo Guillermo Garcia-Lopez con il punteggio di 7-5 7-6. ‘Stef’ sta crescendo a vista d’occhio dal punto di vista fisico e mentale, acquisendo maggiore sicurezza anche nella risposta (soprattutto di rovescio). Così Tsitsipas raggiunge il best ranking al n.120 Atp ed entra fra i Top 20 della ‘Race to Milan’. Una qualificazione alle Atp Next Gen Finals 2017 sembra complicata, ma il prossimo anno difficilmente mancherà l’occasione di vederlo all’opera nel master under 21. (al.ni.)

foto augerAuger-Aliassime, mentalità da top
Soffre, lotta, rimonta e vince. Felix Auger-Aliassime, 17 anni appena compiuti (l’8 agosto, stesso giorno di Roger Federer), ha conquistato sulla terra di Siviglia il suo secondo titolo a livello challenger. Classe 2000, fisico straordinario, ottimo tennis e mentalità da top player, il canadese ha superato nell’ordine Maxime Janvier (6-2 5-7 7-6), Adam Pavlasek (6-1 7-6), Taro Daniel (6-1 6-0), Filip Krajinovic (3-6 7-6 6-3) e, in finale, Inigo Cervantes (6-7 6-3 6-3, era sotto di un break anche nel secondo set). Molti match lottati, due grandi rimonte e tanti tie-break portati a casa, a dimostrazione di un lato mentale già molto solido. Il successo a Siviglia porta Auger-Aliassime al best ranking al n.168 Atp e alla piazza 19 della ‘Race to Milan’. “Ho ancora tanto lavoro da fare - ha spiegato il canadese - ma questi risultati mi fanno capire che sono sulla strada giusta”.