Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Wolfgang Thiem, papà di Dominic, è il coach dell'austriaco emergente che ha superato le qualificazioni e raggiunto il 3° turno a Londra. Look retrò, gran servizio e bel rovescio: “Ha preparato Wimbledon su un campo da calcio...”

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

ofner 1“Sebastian ha preparato Wimbledon allenandosi sull’erba di un campo da calcio un giorno prima di partire”. Wolfgang Thiem, padre di Dominic e coach del next gen Ofner, spiega così l’exploit del giovane tennista austriaco, spintosi a sorpresa sino al terzo turno dello Slam londinese. “Se mi aspettavo un risultato così - prosegue Thiem Sr -? Certo che no, mentirei se dicessi il contrario. Anche se Sebastian ha alzato il proprio livello e stava giocando molto bene nell'ultimo periodo”. Tre turni di qualificazioni superati, vittorie in main draw su Thomaz Bellucci e Jack Sock, prima di una buona figura contro Alexander Zverev. Grazie a questo risultato l’austriaco, classe 1996, arriverà lunedì prossimo al best ranking intorno al n.150 Atp.

Il torneo dei sogni
“Non avevo mai giocato sull'erba”. Sebastian Ofner si è presentato con questa frase, presso l’All England Club, agli increduli giornalisti che si stavano chiedendo chi fosse quel ragazzone austriaco, con i capelli impomatati stile Anni ’80, salito improvvisamente agli onori della cronaca. E pensare che sino a pochi giorni prima delle qualificazioni di Wimbledon, Ofner era impegnato sui campi in terra battuta del Challenger di Poprad-Tatry, dove aveva raggiunto un buon quarto di finale. “Si, è vero - ammette coach Wolfgang Thiem - abbiamo preparato Wimbledon all’ultimo momento. Ma spesso è la maniera migliore, così da non avere aspettative. Anche se non ci aveva mai giocato, sapevo che Sebastian avrebbe potuto adattarsi molto bene all’erba grazie al suo rovescio piatto e alle capacità in risposta. Il servizio? Quando entra è devastante, ma deve migliorare molto le percentuali”. Le qualificazioni del terzo Slam stagionale, che si disputano come da tradizione a Roehampton, hanno visto Ofner uscire indenne da tre vere e proprie battaglie. All’esordio ha battuto il belga Kimmer Coppejans 10-8 al terzo set, mentre al 2° turno ha sconfitto Miljan Zekic 6-4 6-3. Nel round decisivo è giunta la rimonta contro il giovanissimo britannico Jay Clarke, conclusasi per 2-6 6-7(9) 6-4 6-4 6-1. Nel main draw, dopo la netta vittoria su Bellucci, Ofner ha dimostrato grande tenuta mentale quando, vistosi recuperare due set di vantaggio, è riuscito a chiudere 6-2 al quinto contro Jack Sock. A bloccarne la strada è stata Alexander Zverev (6-4 6-4 6-2).

ofner 2La storia
Lo studio e il fisico hanno rallentato la crescita, tennistica e non, del 21enne di Bruck An Der Mur, paese di 15.000 anime in Stiria . “A 14-15 anni Sebastian era molto minuto e non ha disputato molti tornei del circuito Tennis Europe né Itf under 18. È cresciuto negli anni successivi e oggi si allena regolarmente da professionista, il più delle volte insieme a mio figlio Dominic”. I libri hanno rappresentato una parte molto importante della vita di Ofner che, una volta diplomatosi alla Liese Prokop Privatschule, ha iniziato ad allenarsi due volte al giorno diventando ogni settimana più forte e competitivo. Il miglior risultato, prima di Wimbledon, era arrivato al challenger di Mestre, con una bellissima finale. “Ma ora, grazie al 3° turno a Wimbledon, ho guadagnato in pochi giorni il doppio del mio prize money”, ha spiegato Ofner.

Visto dal campo
“Molto forte fisicamente, palla lavorata e pesante soprattutto con servizio e dritto oltre a una grande capacità di lottare”. Questo il parere di Omar Giacalone, che ha affrontato Ofner perdendo 7-5 al terzo 12 mesi fa. “Mi sono allenato con Sebastian quest’anno a Caltanissetta - racconta il coetaneo Matteo Berettini - e per poco non lo riconoscevo. Non lo vedevo da parecchio tempo e da piccolo era basso e mingherlino. Ora è sopra il metro e novanta e tira molto forte. Nonostante l’altezza si muove bene e i suoi colpi migliori sono servizio e rovescio. Il dritto? Quando entra fa male, ma spesso se lo perde”. Per Alessandro Luisi, attuale n.900 Atp, Ofner è “un ragazzo serissimo e centrato mentalmente, che si comporta sempre in maniera professionale ed educata”. Insomma, le qualità non gli mancano.

ofner 3Uno come Ofner? Non c'era dal 2004
Sebastian Ofner ha giocato il suo primo torneo del circuito maggiore, in main draw, a Wimbledon superando ben due turni. L’ultimo exploit del genere risale al 2004, quando il francese Julien Jeanpierre, all’esordio assoluto nel circuito Atp, raggiunse il 3° turno al Roland Garros. A Wimbledon il precedente risale a 17 anni fa, stagione che vide il belga Olivier Rochus battere Fromberg e Norman (all’epoca numero 2 del mondo) prima di arrendersi a Gianluca Pozzi. A Londra riuscì nell'impresa anche l’italiano Mosè Navarra, oggi stimato tecnico federale, che nel 1996 superò Rikl e Albert Costa cedendo poi allo specialista Stoltenberg. (statistiche di Luca Brancher)

La scheda di Sebastian Ofner
Nato a: Bruck An Der Mur, il: 12 maggio 1996
Altezza: 191 cm, peso: 81 kg
Coach: Wolfgang Thiem
(Gunter Bresnik Academy)
Ranking Atp: 217
Titoli Futures: 5