Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

La nuova gamma Astrel di Yonex, grazie a nuovi materiali e tecnologie innovative taglia le vibrazioni, aumenta lo sweetspot e la potenza. Il modello con l’ovale da 105 è ideale per giocatori intermedi che giocano di piatto, in back e spesso al volo

di Mauro Simoncini

Yonex 1Tirare forte senza perdere in precisione e soprattutto salvaguardando braccio e gomito in particolare. Questo è il sogno di tutti i tennisti, specialmente di quelli che non sono professionisti del circuito Atp ma nella vita svolgono altre professioni e lottano con gli impegni famigliari e di lavoro per ritagliarsi il tempo per il tennis. Fino a ieri la proposta di racchette di generosa potenza ma soprattutto grande assorbimento di shock e vibrazioni era appannaggio in particolare di un marchio, Pro Kennex con il suo efficacissimo brevetto Kinetic, applicato anche su racchette dedicate all’agonismo spinto ma espresso al massimo su telai dai piatti generosi adatti anche a un pubblico di giocatori di club. Oggi in questo segmento di mercato fanno il loro ingresso “ufficiale” anche i giapponesi di Yonex, che hanno deciso di concepire una linea nuova di racchette profilate, con ovali oversize, leggere, potenti e molto confortevoli. Astrel è il nome delle due racchette, esteticamente molto accattivanti: bianca e verde lime quella con ovale Super oversize da 115” e 260 grammi di peso; bianca e azzurra quella da 270 grammi di peso, ovale da 105 pollici quadrati che abbiamo provato in anteprima.

Yonex 3High tech, anti- shock
Questi due telai sono un concentrato di tecnologia: anzitutto nella testa è utilizzato VibSLayer Carbon, un tipo di carbonio concepito per attutire vibrazioni, così come Neofade, un materiale concentrato nel ponte, a supporto delle sei corde centrali verticali. Poi ancora nel manico c’è Quake Shut Gel versione plus, sistema di assorbimento introdotto da Yonex con i modelli Ezone DR. E infine il sistema Quad Force Gear: quattro grommet sporgenti a ore 2, 4, 8 e 10 costruiti per allungare le corde orizzontali e aumentare lo sweetspot già molto ampio grazie allo storico Isometric dei giapponesi, arrivando (a parità di dimensioni del piatto) a un +10% di area ottimale d’impatto. Questo concentrato di High Tech produce un incremento di potenza sensibile (20%) e di velocità (4 km/h) anche nei colpi decentrati; senza dimenticarsi il primo obiettivo di queste tecnologie: diminuzione del 24% dello shock da impatto.
La protezione del gomito del tennista passa poi per un’ulteriore soluzione particolare: il manico è a forma leggermente conica ovvero più grosso alla base e si restringe verso il cuore. È stato studiato così per aumentare la superficie di contatto della mano sul grip stesso migliorando in questo modo l’efficienza della presa, l’assorbimento degli shock e la manovrabilità del telaio nel complesso.

Yonex 5In campo
In campo da subito si sente la facilità di gestione della racchetta, che si muove benissimo nell’aria, è molto comoda. Immediata la resa di colpi piatti portati con movimenti e preparazioni essenziali, lineari, semplici. Inutile e controproducente sbracciare per cercare un gran top, molta più soddisfazione in termini di precisione e incisività la si ottiene con il back spin, anche per chi non è un mostro di tecnica.
Sembra davvero tutto molto facile; il piatto corde reagisce immediatamente all’impatto con la palla e anche il pattern a maglie larghe (16x18 su 105 pollici quadrati di ovale) concede potenza. È una racchetta generosa in questo senso ma soprattutto permissiva, che aiuta anche quando non si è pronti, fisicamente o tecnicamente, a un’esecuzione ottimale. Sweetspot molto ampio, più di quanto ci aspetti. Oltre al backspin l’altra punta di diamante di questa Astrel 105 sono sicuramente le volée: perentorie e potenti quelle più facili, possibili e gestibili anche quelle più difficili, basse sotto la rete per esempio.
Una racchetta ideale per un doppio al club, di qualsiasi livello a qualunque età. Perfetta per giocatori di impostazione classica che si sentono a casa giocando di piatto e in back.

IL LAB
Ovale: 105 | Profilo: 26-29-25 mm | Lunghezza: 68,6 cm Peso: 287 g | Bilanciamento: 34,2 cm | Rigidità: 68 | Inerzia: 311 | Potenza: 58/100 |
Controllo: 42/100 | Maneggevolezza: 79/100

(telaio incordato con corde Yonex Poly Tour Air 125 a 23/24 kg)
Prezzo di listino: 280,95 euro

PAGELLONE 80/100
Potenza 9 | Controllo 7 | Maneggevolezza 8 | Fondo 7 | Rete 9 | Servizio 8 | Top 6 | Back 9 | Estetica 8 | Comfort 9