Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Il francese classe 1998 e vincitore del Roland Garros Jr. nel 2016, ha conquistato ad Hammamet il primo titolo in carriera da professionista. E nel circuito Challenger, in questa prima fase di 2017, sono arrivati 5 titoli

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

blancaneauxIl francese Geoffrey Blancaneaux (nella foto), classe 1998 e vincitore del Roland Garros Jr. nel 2016, ha conquistato ad Hammamet il primo titolo in carriera da professionista. Il diciottenne parigino, ormai a ridosso della Top 500 Atp, è un vero proprio computer: colpi puliti e solidi, grande velocità di piedi e, soprattutto, una grande capacità di leggere la partita e dominare tatticamente l’avversario. Blancaneaux ha sconfitto il bravo azzurro Cristian Carli, classe 1996, alla prima finale della carriera. Buone notizie anche dall’altro azzurro Liam Caruana, classe 1998, semifinalista in due Futures consecutivi sul cemento outdoor greco di Heraklion. Continua a vincere e a convincere nei Futures anche Daniel Altmaier, tedesco classe 1998 dallo splendido rovescio a una mano, trionfatore nell’Itf da $15.000 di Doha.

Cinquina Challenger (con 13 finali)
Guardando alla stagione nel suo complesso, almeno in questa prima fase, la Next Gen Atp ha portato a casa, nei primi 3 mesi di 2017, ben 5 titoli a livello challenger per un totale di 13 apparizioni in finale. I cinque vincitori sono il coreano Hyeon Chung (Honolulu), l''americano Omar Jasika (Burnie), l'altro USA Noah Rubin (Launceston), il russo Alexander Bublik (Morelos) e il canadese Denis Shapovalov (Drummondville). Finali invece per Omar Jasika (Happy Valley), Andrey Rublev (Rennes), Taylor Fritz (Dallas), Blake Mott (Burnie), Quentin Halys (Bergamo), Soo Woo Kwon (Yokohama), ancora Shapovalov (Guadalajara) e Matteo Berrettini (Quanzhou).